Chiara Ferragni
Foto dal profilo Instagram ufficiale di Chiara Ferragni

L’influencer Chiara Ferragni si è concessa un tour nella bellezza degli Uffizi di Firenze come “una sorta di divinità nell’era dei social”

A Firenze per un impegno di lavoro, Chiara Ferragni si è concessa un tour nella bellezza degli Uffizi accompagnata da una guida speciale: il direttore del Museo Eik Schmidt.

Potrebbe interessarti:

Nel corso della sua visita la Ferragni ha potuto ammirare da vicino diverse opere, rimanendo particolarmente colpita, a detta del direttore da due lavori del Botticelli: Le storie di Giuditta e l’Adorazione dei Magi, nel quale sembra si trovi anche un autoritratto dell’artista.

Tappe obbligate anche La Primavera La Nascita di Venere, quadro accanto al quale Chiara Ferragni è stata immortalata per uno scatto poi pubblicato sul profilo Instagram degli Uffizi.

View this post on Instagram

Ieri ed oggi … I canoni estetici cambiano nel corso dei secoli. L’ideale femminile della donna con i capelli biondi e la pelle diafana è un tipico ideale in voga nel Rinascimento. Magistralmente espresso alla fine del '400 da #SandroBotticelli nella Nascita di #Venere attraverso il volto probabilmente identificato con quello della bellissima Simonetta Vespucci, sua contemporanea. Una nobildonna di origine genovese, amata da Giuliano de’Medici, fratello minore di Lorenzo il Magnifico e idolatrata da Sandro Botticelli, tanto da diventarne sua Musa ispiratrice. Ai giorni nostri l’italiana Chiara Ferragni, nata a Cremona, incarna un mito per milioni di followers -una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social – Il mito di Chiara Ferragni, diviso fra feroci detrattori e impavidi sostenitori, è un fenomeno sociologico che raccoglie milioni di seguaci in tutto il mondo, fotografando un’istantanea del nostro tempo. ?ENG: Beauty standards change in the course of time. The female ideal of a blonde- haired woman with diaphanous skin is a very common beauty model in the Renaissance. Masterfully expressed by the Florentine Sandro Botticelli in The birth of Venus maybe portraying the face of one of his contemporary, Simonetta Vespucci. A beautiful noble woman, of Genoese origin, beloved by Giuliano de’ Medici, the younger brother of Lorenzo the Magnificent ; she was so worshiped by Sandro Botticelli that she became his muse. Nowadays, Chiara Ferragni, born in Cremona, embodies a role model for millions of followers – a sort of contemporary divinity in the era of social media – The myth and the story of Chiara Ferragni, argued by harsh critics and supported by faithful fans, is a real sociological phenomenon that involves millions of supporter worldwide and it can undoubtedly be considered a snap-shot of our time.

A post shared by Gallerie degli Uffizi (@uffizigalleries) on

Nella didascalia, l’imprenditrice digitale e moglie del rapper Fedez, viene definita una sorta di divinità nell’era dei social”Lei è un mito per milioni di follower, divisi tra feroci detrattori e impavidi sostenitori.

Un fenomeno sociologico che fotografa un’istantanea del nostro tempo, messo in parallelo nella medesima didascalia social a quello della nobildonna genovese Simonetta Vespucci, nel quale è stato più volte riconosciuto quello della Venere ritratta dal Botticelli.

Qualche settimana fa, Chiara Ferragni (il cui documentario Unposted andrà in onda sui canali Rai nella prossima stagione televisiva) ha visitato anche i Musei Vaticani.

 

Letture Consigliate