Coppa Italia
Foto: You Tube

App, tamponi e vaccino: la Coppa Italia si prepara a riaccogliere i tifosi allo stadio. Al Mapei Stadium saranno presenti 4300 spettatori

Dopo l’apertura del Foro Italico ai tifosi in occasione degli Internazionali di Tennis, anche il calcio italiano si prepara a riaccogliere sugli spalti i supporter, assenti ormai dallo scorso autunno. L’occasione per rilanciare l’ingresso all’interno degli stadi di un numero ridotto di spettatori, sarà la finale di Coppa Italia, prevista il prossimo 19 maggio al Mapei Stadium.

Potrebbe interessarti:

Juventus e Atalanta si sfideranno nel penultimo appuntamento stagionale e potranno farlo con ben 4300 tifosi presenti nell’impianto emiliano.

Per poter accedere all’evento, gli spettatori dovranno usufruire dell’App Mitiga, dove sarà registrato l’acquisto del proprio biglietto, in seguito a una pre-registrazione sulla piattaforma.

All’interno del portale dovrà essere caricato anche un certificato di tampone, risalente a non più di 48 ore prima, o eventualmente un certificato vaccinale o un’attestazione di avvenuta guarigione dal Covid da non più di 6 mesi.

Precauzioni necessarie a garantire la sicurezza di tutti i presenti allo stadio, compresi gli addetti ai lavori: anche l’Ad di Serie A, Luigi De Siervo, ha espresso soddisfazione per l’organizzazione della finale di Coppa Italia.

“Per noi quest’occasione rappresenta la prova generale per ritornare ad avere il pubblico negli stadi nel rispetto delle regole che disciplinano gli eventi globali. Dobbiamo dire grazie alla Regione Emilia-Romagna che grazie alla visione, all’ottimismo e alla concretezza tipica di questa regione che ha saputo sempre rialzarsi in momenti difficili, dal terremoto di nove anni fa alla pandemia. Sono stati d’esempio e ci hanno aiutato a ripartire già dallo scorso campionato che abbiamo avuto paura di non poter concludere”.

Letture Consigliate