Coronavirus, vaccino di Oxford inefficace: i macachi si ammalano



coronavirus, vaccino
immagine da pixabay

Dopo i primi risultati incoraggianti, il vaccino prodotto ad Oxford sembra essere inefficace. I macachi a cui è stato somministrato si sono ammalati

Dopo molti risultati incoraggianti ricevuti da diversi trial clinici effettuati in tutto il mondo, arriva la prima doccia fredda. La brutta notizia arriva da Oxford dove si sta studiando il vaccino contro il coronavirus denominato ChAdOx1. Se nei giorni scorsi, come riportato dal Telegraph, i test sugli animali hanno dato primi risultati positivi, gli scienziati hanno nelle ultime ore constatato che i macachi a cui avevano somministrato il vaccino si sono ammalati. L’immunità fornita dal virus è risultata quindi inefficace in quanto poco duratura nel tempo. Questo vaccino, stando a quanto – affrettatamente – annunciato nei giorni scorsi dal governo britannico, sarebbe stato pronto per la distribuzione già da settembre in milioni di dosi. Purtroppo, a quanto pare, così non sarà.

Il vaccino americano sembra efficace contro il coronavirus

Buone notizie giungono invece dal vaccino sperimentato dalla società statunitense Moderna in collaborazione con National Institutes of Health, uno degli otto che ha già avviato la sperimentazione sull’uomo. Tuttavia, i risultati ottenuti non sono ancora stati sottoposti ad una revisione indipendente e sono attualmente da confermare.

Tutto ciò mette in luce l’importanza della sperimentazione scientifica che permette, con assoluta trasparenza, di portare alla luce non solo risultati positivi ma anche e soprattutto quelli negativi, insuccessi dai quali è possibile imparare al fine di progredire verso un risultato ottimale.

Leggi anche