29 Novembre 2021 - 15:41

Cos’è il fuorigioco semiautomatico? La FIFA annuncia la sperimentazione

Fuorigioco semiautomatico

Una novità destinata a rivoluzionare il calcio mondiale: la FIFA è pronta alla sperimentazione del fuorigioco semiautomatico. Come funziona? Lo spiega Pierluigi Collina

Il mondo del calcio si appresta ad accogliere una importante novità dal punto di vista dei regolamenti: la FIFA ha annunciato l’avvio della sperimentazione del fuorigioco semiautomatico. Una situazione nuova che proietterà un ulteriore inserimento della tecnologia moderna sul rettangolo verde.

Collina: “Importante ed utile per il futuro”

Chi meglio di Pierluigi Collina può introdurre l’argomento sul fuorigioco semiautomatico, destinato a rivoluzionare ulteriormente le regole del nuovo calcio moderno. In un’intervista rilasciata al canale ufficiale, il FIFA Chief Refereeing Officer ha definito questa novità come “il processo più importante fino a questo momento”.

L’ex-fischietto di Viareggio ha poi spiegato: “In caso di fuorigioco, la decisione viene presa dopo aver analizzato non solo la posizione dei giocatori ma anche il loro coinvolgimento nel movimento. La tecnologia può tracciare una linea ma la valutazione di un’interferenza con il gioco o con un avversario resta nelle mani dell’arbitro.

Credits: YT FIFA

Il primo test ufficiale ci sarà con l’inizio del FIFA Arab Cup 2021, in programma dal 30 novembre al 18 dicembre. I vertici del calcio mondiale faranno le dovute osservazioni e valuteranno un eventuale ipotesi di utilizzo – se il test sarà superato – di utilizzarlo già nel prossimo Mondiale in Qatar nel 2022.

Come funziona il fuorigioco semiautomatico?

Ma chi ci spiega veramente come funziona il fuorigioco semiautomatico? Ci pensa Johannes Holzmüller, direttore della tecnologia e dell’innovazione nel calcio, in un’intervista rilasciata al canale ufficiale della FIFA.

Queste le sue dichiarazioni: “Avremo una telecamera installata sotto il tetto di ogni stadio. I dati di tracciamento degli arti estratti dal video verranno inviati alle sale operative e la linea di fuorigioco calcolata e il punto di calcio rilevato vengono forniti all’operatore di riproduzione quasi in tempo reale. L’operatore di riproduzione ha quindi l’opportunità di mostrarlo immediatamente al VAR. Sarà l’assistente VAR – in una postazione dedicata – che può immediatamente convalidare e confermare le informazioni“.

Dunque non ci resta che attendere l’avvento di questa novità: il fuorigioco semiautomatico è pronto a scendere in campo per i suoi primi test.