Diodato, Un’Altra Estate: lezione a cuore aperto sulla nuova normalità



Diodato Sanremo 2021 un'altra estate
screenshot da youtube

Diodato torna con Un’Altra Estate, il nuovo singolo in radio dal 22 maggio. Il testo è una fotografia scattata al mare in cui un gesto ordinario, come quello di godersi la bella stagione, diventa qualcosa di unico. Il brano è una lezione a cuore aperto sulla nuova normalità

Diodato con il nuovo singolo Un’altra estate, offre al pubblico l’aspetto più delicato e nascosto della sua produzione post lockdown. Dopo la incantevole Fai Rumore, con la quale ha incantato prima l’Italia, aggiudicandosi Sanremo 2020 e poi lo “Europe Shine a Light” con una esibizione da brividi in una irreale Arena di Verona vuota, il brano racconta dell’artista qualcosa di ancora diverso.

In Un’altra estate si può sentire l’odore del mare, è il trionfo di una stagione attesa, ritrovata. Sensazioni amplificate dalla lunga fase del #iorestoacasa, durante la quale Diodato ha potuto dedicarsi al testo. La produzione del singolo è invece avvenuta in modalità “distanziamento sociale” tra Milano e Roma, grazie alla collaborazione con Tommaso Colliva.

In Un’altra estate, una delle stagioni più amate assume connotazioni e significati inediti. Non è la solita estate, tempo di amori da spiaggia e tintarelle, è l’estate maestra. Perché pronta ad insegnare a cuore aperto, la lezione più ardua, quella della nuova normalità.

L’estate di cui canta Diodato è calda e avvolgente anche nelle atmosfere musicali che molto poco rimandano alla tipica hit da ombrellone. Dopotutto chi lo ha detto che una ballata pop non possa trasformarsi in un insolito tormentone? Alla rotazione radiofonica l’ardua sentenza.
Lo vedi amico arriva un’altra estate/ e ormai chi ci credeva più/ che è stato duro l’inferno ma non scaldava l’inverno/ hai pianto troppo questa primavera
Il brano è una fotografia scattata al mare, un ricordo che fa bene alla mente e alimenta la vista. Infondo a cospetto della quotidianità straordinaria da poco ottenuta, persino restare a guardare dalla finestra può rappresentare una conquista. 

Ecco il testo di Un’altra estate

lo so non ci credevi più
che è stato buio l’inverno, troppo duro un inferno
è così immobile la primavera

Ma tu ora dove sei?
dimmi dove sei
che oggi ti porto via

E ce ne andiamo al mare
chissà che effetto fa (chissà che effetto fa)
vediamo se questo tempo ci rincuora
se questa estate ci consola

Lo vedi amico arriva un’altra estate
e ormai chi ci credeva più
che è stato duro l’inferno ma non scaldava l’inverno
hai pianto troppo questa primavera

E tu ora dove sei?
dimmi dove sei
che oggi se vuoi ti porto via

E ce ne andiamo al mare
chissà che effetto fa (chissà che effetto fa)
vediamo se questo tempo ci rincuora
se questa estate ci consola

 

 

Leggi anche