Eclissi solare vista anche in Italia, le foto

eclissi
ECLISSI 20.3.15

Venerdì 20 marzo, eclissi solare parziale visibile anche in Italia: guarda le foto!

project adv

“Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate sole…”.

Così Francesco, “Il Santo di Assisi”, chiamava la stella che dà la luce al nostro giorno.

I più attenti, oggi, 20 marzo 2015, hanno potuto assistere all’eclissi solare parziale visibile anche in Italia.

Per circa un’ora e mezza chi si è attrezzato con lenti particolari, con un filtro almeno quattordici e superiore, ha potuto vedere una delle tante grandezze e perfezioni dell’universo.

eclissi
Eclissi solare del 20 marzo 2015

A partire dalle ore 09:20 e fino alle ore 11:50 la luna si è trovata tra terra e sole facendo realizzare il fenomeno dell’eclissi solare che, nella fattispecie odierna, è stata parziale.

Le percentuali tra nord e sud dell’Italia sono state diverse: al nord la copertura è stata del 75%, mentre al sud del 50%, ma tutti abbiamo potuto vedere questo percorso naturale, planetario e stellare, che però suscita sempre emozione e stupore e, in alcuni tempi storici, ha avuto una rilevanza che unisce paura e mistero con risvolti anche nel campo religioso.

Video del giorno

CONDIVIDI
Articolo precedenteIsis: il cancro si nutre di cellule giovani
Prossimo articoloThe Honourable Woman, può nascere la pace tra Israele e Palestina?

Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: “Scugnizzeria agli Albori di un Successo”​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L’approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. “​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società”​. Tutto questo mi ha portato ad essere un “Cronista del calcio giovanile Campano”​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l’estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto…