Elezioni 2018, CasaPound entra per la prima volta alla Camera

CasaPound

Per la prima volta a Montecitorio, ci sarà anche il partito neofascista CasaPound. Ad invitarli è Massimo Corsaro, ex deputato di AN e Fratelli D’Italia

La prima volta alla Camera dei “neofascisti sociali” di CasaPound. L’ospite che ha permesso l’ingresso a Montecitorio del partito diretto da Simone Di Stefano, candidato premier, è il deputato Massimo Corsaro, ex di AN e Fratelli D’Italia.

Pronte le critiche all’atto, in completo disaccordo con i principi costituzionali. Maurizio Acerbo, segretario di RC, ha così commentato: “C’è lo sdoganamento totale dei neofascisti. Intervengano Boldrini e Mattarella.
Gli fa eco il deputato PD Emanuele Fiano: “Un partito fascista nel tempio della nostra Costituzione è un’offesa. Sono anni che cerco di mettere sull’avviso sul ritorno di ideologie nefaste.

Ma la vera star è Di Stefano, che sembra convinto di farcela: “Attenzione, perché presto qui potremmo tornare come deputati. E quella sarà una giornata storica, come ai tempi del Msi quando il partito di Almirante incarnava l’eredità di Salò. Supereremo il 3%. Il voto al centrodestra è un voto buttato più danno si fa alla coalizione di Berlusconi e meglio è: tanto, loro ci proporranno un governo tecnico per 5 anni. Potremmo garantire il nostro appoggio esterno a un governo Salvini.