elon musk
pixabay

In un’intervista a Repubblica, Elon Musk ha dichiarato di voler vendere alcune sue proprietà per creare una città su Marte e promette: “Tra 4-6 anni il primo uomo atterrerà sul pianeta rosso”

Il Ceo di Tesla continua a far parlare di sé e delle sue incredibili idee sullo spazio. Da molti anni, infatti, Elon Musk ha perennemente lo sguardo rivolto verso il cielo, verso quello spazio che tanto desidera conquistare. Lo Space X ne è stato l’ultimo esempio: un velivolo spaziale all’avanguardia nella tecnologia come nel design. Ma il sogno più grande di uno degli uomini più potenti al mondo rimane sempre quello di portare l’uomo sul pianeta rosso, Marte. In un’intervista a Repubblica, infatti, ha manifestato l’intenzione di vendere alcune sue proprietà con l’unico scopo di creare una vera e propria città su Marte. A tal proposito, ha dichiarato a Repubblica: “Penso che sia importante che l’umanità evolva in una civiltà spaziale, in una specie multi-planetaria. Ci vorranno enormi risorse per costruire una città su Marte. Voglio essere in grado di contribuire il più possibile“.

Elon Musk è infatti convinto che nel futuro il sole inizierà ad espandersi, portando ad un incremento delle temperature sulla Terra che non si conciliano con la vita. Per questo motivo, è opportuno che il genere umano si prepari ad abbandonare il pianeta, culla della vita, per trovare rifugio su un altro corpo celeste. Marte adesso, altri sistemi solari poi. La sua visione è molto chiara: “Si tratta di vivere in tutto il sistema solare, e di raggiungere altri sistemi di stelle. In confronto alla prospettiva di restare sempre sulla Terra finché non verrà annientata, è un futuro esaltante. A un certo punto il Sole aumenterà di dimensioni e gli oceani evaporeranno. È meglio fare qualcosa adesso. Ma probabilmente abbiamo solo un lasso di tempo limitato. Marte comunque non sarà un luogo di villeggiatura di lusso“.

Fatti, non parole

Come se non bastasse l’enorme impegno degli ultimi anni, sempre a Repubblica Elon Musk promette che entro sei anni, probabilmente anche quattro, il primo uomo potrà atterrare su Marte e che lui stesso perlustrerà lo spazio nei prossimi 2/3 anni. Intanto, per far fronte all’incalcolabile cifra di cui dovrà disporre per realizzare il sogno di una città marziana, il Ceo di Tesla ha iniziato a vendere alcune sue proprietà come quella di Los Angeles, oggi posseduta da un cinese. Una parola anche su Tesla, la società automobilistica che prende sempre più piede in tutto il mondo: “Ci sono circa 2 miliardi di automobili e camion sul pianeta. Vorremmo sostituire l′1% della flotta globale all’anno. Sarebbero circa 20 milioni di veicoli ogni anno“.