Euro 2016, ottavi di finale: Galles, il sogno continua!



Galles

Bale e compagni si aggiudicano il derby britannico e volano ai quarti per la prima volta nella loro storia. Decisiva l’autorete di McAuley, a pochi minuti dal termine. Per il Galles adesso una tra Ungheria e Belgio

Al Parco dei Principi di Parigi va in scena il secondo ottavo di finale, dopo quello disputato tra Svizzera e Polonia; a contendersi un posto ai quarti ci sono due squadre che, in questi giorni, hanno avuto un occhio di riguardo alle vicende politiche del proprio paese, la Gran Bretagna, la quale è definitivamente uscita dall’Unione Europea. Le squadre in questione sono il Galles e l’Irlanda del Nord, entrambe pronte a giocarsi l’intera posta in palio.

L’azione che ha deciso la gara, l’autogol di McAuley.

Le due compagini britanniche, che hanno dato vita ad un vero e proprio derby, hanno rappresentato due delle sorprese di questa competizione, con i dragoni trascinati dalla potenza e dalle eccellenti doti di Gareth Bale, e i verdi nord irlandesi spinti da una forte euforia e voglia di stupire ancora. Per loro si tratta di una esperienza unica in una manifestazione di tale importanza e, quindi, è una chiara opportunità per mettersi in mostra agli occhi dell’intero panorama calcistico europeo.

GALLES – NORD IRLANDA   1-0       Grandi motivazione per entrambe le squadre, le quali impostano il gioco più sulla fisicità e su una lunga fase di attesa dell’avversario, piuttosto che prendere in mano la gara dal primo istante; è una partita scialba, un incontro tra due squadre con poca tecnica, fatta eccezione per alcuni elementi. Il Galles prova ad imporre la sua superiorità, ma la squadra avversaria è brava a chiudersi in difesa con un robusto 4-5-1, utile a garantire forte compattezza e solidità a tutti i reparti.

O’Neill, tecnico dei biancoverdi, opta per Lafferty in avanti, con Dallas e Ward che agiscono alle sue spalle; il Galles, invece, che si schiera con un 3-5-2, non rischia quasi mai nulla, tranne due tiri dalla distanza nella prima fase del match; tutte le speranze sono riposte nell’uomo di maggior talento, Bale, e nella duttilità di Ramsey.

Primo tempo con poche emozioni

Ci prova due volte la Nord Irlanda con due conclusioni da fuori, prima con Dallas che impegna il portiere avversario Hennessey, bravo a deviare in angolo, poi con Ward che cerca la botta dai 40 metri ma non spaventa la retroguardia gallese. Per i dragoni, la prima frazione, se pur caratterizzata da qualche spunto dei singoli, non porta a creare occasioni degne di nota.

La ripresa segue le stesse orme del primo tempo, con Bale e compagni pronti a ripartire in contropiede e a far del male alla difesa avversaria. E’ proprio la stella del Real Madrid a rendersi maggiormente pericolosa, con una punizione da distanza considerevole respinta agevolmente da McGovern, il quale interviene a pugni chiusi. La svolta arriva al 75′, con il punteggio che si sblocca grazie ad un lampo improvviso: Bale, dopo aver ricevuto palla da Ramsey sulla corsia esterna di sinistra, lascia partire un cross potente e teso in area nord irlandese sul quale si avventa un difensore dei verdi che, nel tentativo di anticipare l’attaccante avversario, devia la palla nella sua porta.

Si tratta dunque di autorete, ad opera di McAuley, che consente ai dragoni di continuare a sognare ancora. Adesso per il Galles massima concentrazione verso i quarti di finale, un traguardo storico, dove i ragazzi di Coleman se la vedranno contro la vincente tra Ungheria e Belgio, in programma questa sera alle ore 21. Alla Nord Irlanda bisogna comunque riconoscere il merito di aver espresso un buon calcio e una grinta che ne hanno fatto una vera e propria rivelazione dell’Europeo.

Tabellino gara

Galles (3-5-2): Hennessey, Chester, A. Williams, Davies, Gunter, Allen, Ledley (J.Williams), Ramsey, Taylor, Bale, Vokes (Robson-Kanu).

Nord Irlanda (4-5-1): McGovern, Hughes, McAuley (Magennis), Cathcart, Evans, Ward (Washington), Davis, Norwood (McGinn), C.Evans, Dallas, Lafferty.

Arbitro: Atkinson (Inghilterra).

Stadio: Parc Des Princes (Parigi).

Ammoniti: Dallas, Davis (Nord Irlanda) – Taylor, Ramsey (Galles).

Leggi anche