ferrario-e-gianpieretti
ferrario-e-gianpieretti

Campionato Primavera, trofeo “Giacinto Facchetti” Gir. “A”.  Ferrario e Giampieretti commentano la terza vittoria consecutiva del Napoli

Potrebbe interessarti:

[ads1]

Arriva la terza vittoria consecutiva per il Napoli primavera dopo Vicenza, Besiktas (Youth Champions League) e Spezia. Ma come nella partita di coppa anche in campionato con lo Spezia qualche momento, nel finale, di antisportività e turbolenze. Questo dalla viva voce del direttore tecnico dello Spezia Moreno Ferrario, un grande ai tempi di mister Vinicio nel Napoli di capitan Juliano. Di seguito confermato anche dall’allenatore  dei Liguri, Flavio Gianpieretti.

ferrario
La collega Claudia Palermo intervista il direttore Tecnico dello Spezia Moreno Ferrario.

P.D.: ” Direttore campione d’Italia e tanti ricordi con la maglia azzurra del Napoli!”

Ferrario:  ” Altri tempi quando noi vivevamo per la gente e la gente per noi. Così abbiamo costruito qualcosa di importante vincendo due scudetti! Spero che non resteranno solo quelli, ma di questo passo probabilmente sarà così. Questa è una piazza dove la Coppa dei Campioni, e dico Coppa dei Campioni e non Champions League, dovrebbe essere una cosa consuetudinaria!”

P.D.: ”da direttore tecnico delle giovanili cosa può dirci in merito?”

Ferrario: ”In Italia stiamo messi male! Andiamo all’estero per prendere ragazzi della stessa età perché là giocano prima! Poi facciamo battaglie per una partita primavera ma poi purtroppo di questi ragazzi quasi nessuno arriverà. Sia noi che il Napoli …tutti potremo fare meglio! Dico questo perché ho avuto la fortuna di lavorare per tre anni in Svizzera e lì si lavora, non per il curriculum dell’allenatore, ma per far sì di far arrivare quanto prima ragazzi in prima squadra!”

P.D.: ”Nel Napoli di oggi c’è qualche ragazzo di prospettiva?”

Ferrario: ”Per essere sincero, ho visto poco! Ho visto tanta battaglia e tanta furbizia! Certo può esserci la giustificazione della partita di coppa in settimana ma… se si fanno crescere ragazzi con la cultura della malizia della furbizia, non ne vedo nessuno. Se viceversa, con le basi che hanno, si fanno crescere facendogli capire che giocare a calcio è giocare a calcio e non fare i furbi, c’è qualche possibilità perché c’è qualche ragazzo bello vispo … brillantino. Battere lo Spezia e poi fermarsi su alcuni episodi visti … non si va da nessuna parte!”

ferrario
Moreno Ferrario 396 presenze nella sua carriera di calciatore a Napoli.

Della stessa idea anche il Tecnico Giampieretti.

P.D.: ” Buon primo tempo dello Spezia con due occasioni fallite poi nella ripresa un discreto Napoli porta via i tre punti!”

Giampieretti: ”Io direi buona partita per lo Spezia e non solo il primo tempo! Chiaramente in fuori-gioco il goal del Napoli. Quindi stiamo a commentare una partita persa dove però i miei ragazzi hanno fatto una buona gara e con degli episodi che a me non piacciono!”

P.D.: ” Si riferisce a qualche perdita di tempo dopo il vantaggio?”

Giampieretti: “Si! La partita è stata bellissima, il Napoli ha cercato di vincerla, ma c’è l’episodio del goal e qualche comportamento che non mi è piaciuto. Parlo dal mio punto di vista.  Per non parlare dei tanti palloni buttati in campo dalla panchina avversaria, dopo il vantaggio. Per cui se parliamo sotto il profilo tecnico, il Napoli è una buona squadra anche con qualche buona individualità. Ha cercato di vincere la gara … ma sotto l’aspetto comportamentale io ho potuto constatare degli atteggiamenti che a me non piacciono e che spero di non caderci mai …spero!”

P.D.: ” L’infortunio del suo difensore, tra l’altro il più giovane (classe 2000) sarà della prossima?”

Giampieretti: “Peccato per il più giovane, già nel giro della nazionale. Ha avuto quattro punti al capo e due al gomito. Bisogna aspettare il referto dei medici e vedere quanto deve tenere i punti di sutura …con la pausa che ci sarà, penso possa arrivare il suo recupero!”

[ads2]

Letture Consigliate
Articolo precedenteGrandi elettori, l’ago della bilancia delle presidenziali Usa
Prossimo articoloLaurea in Economia, ecco perché conviene
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...