Festivaletteratura Mantova 2016, il programma

festivaletteratura

Torna l’atteso Festivaletteratura di Mantova. In occasione della proclamazione della città come Capitale Italiana della Cultura, il festival durerà fino a settembre

Torna anche quest’anno nella città di Mantova il Festivaletteratura, ideato nel 1997 da otto semplici cittadini mossi dallo spirito di volontariato e amore per la letteratura.

Ogni anno per cinque giorni si susseguono incontri con autori, reading, percorsi guidati, spettacoli, concerti con artisti provenienti da tutto il mondo, che si ritrovano a Mantova per rivivere un’esperienza indimenticabile.

Quest’anno, il compleanno di Festivaletteratura, cade durante la proclamazione di Mantova come Città Italiana della Cultura.

Festivaletteratura Mantova Un vanto unico in occasione del quale il festival non si limiterà ai consueti cinque giorni, ma si prolungherà dal 9 aprile alla fine di settembre.

Ad aprire ufficialmente la kermesse dei Vent’anni di Festival sarà il Repertorio dei matti della città di Mantova, il corso di scrittura “senza sentimento” condotto da Paolo Nori  con cui si racconterà il lato un pò folle che ogni città cela. Gli ospiti internazionali, per ora, sono: il fumettista Craig Thompson, autore di Blankets e Habibi (sabato 9 aprile); lo scrittore spagnolo Alfonso Mateo Sagasta, accompagnato a Mantova da Luis Sepúlveda (martedì 10 maggio), i laboratori dell’artista giapponese Taro Miura, che coinvolgerà grandi e piccini nella “ritrattistica delle città” (sabato 9 e domenica 10 aprile).

Ma non solo: a rendere unica l’edizione 2016 del Festivaletteratura sarà il Fantafestival, un tuffo nel passato attraverso il quale sarà possibile ricordare gli ospiti delle edizioni passate.

Il primo sarà Beppe Severgnini a maggio, seguito da Luca Molinari e Beppe Finessi a inizio giugno.

Ogni Fantafestival sarà l’occasione di ritornare su tematiche già affrontate in passato con la prospettiva di riadattarle alle idee contemporanee, attraverso incontri, fotografie, clip video, frammenti audio conservati nell’archivio di Festivaletteratura e commentati da ciascun autore.

Per coinvolgere in questa iniziativa anche il pubblico affezionato, sarà data a tutti la possibilità di ideare il proprio “Fantafestival”. A tutti sarà data la possibilità attraverso l’OPAC dell’archivio di invitare virtualmente alcuni dei mille e mille autori passati per Mantova in questi vent’anni.