gadget

Gadget e fiere – Le fiere rappresentano occasioni molto importanti per le aziende, che in queste circostanze hanno modo di entrare in contatto non solo con potenziali clienti, ma anche con esponenti dello stesso settore di appartenenza: e si sa che lo scambio di idee può essere sempre proficuo

Certo è, comunque, che lo scopo principale è quello di attirare clienti, ed è questo il motivo per il quale vale la pena di affidarsi anche ai gadget, più utili di quel che si possa pensare per incrementare gli affari. A patto, ovviamente, di sceglierli con cura: il che vuol dire puntare su gadget di impatto, con la giusta dose di creatività, essenziali per catturare l’attenzione dei destinatari ma anche per lasciare un ricordo positivo dell’azienda.

Potrebbe interessarti:

Le soluzioni consigliate da Stampasi

Che si sia in cerca di braccialetti silicone, di t-shirt, di tazze o di qualsiasi altro gadget da personalizzare e distribuire in occasione di una fiera, si può fare affidamento sul catalogo di Stampasi avendo la certezza di vedere assecondate le proprie esigenze. Nel 2020, la qualità di questa realtà è stata testimoniata dall’Istituto tedesco di Qualità e Finanza, che ha collocato Stampasi.it nel novero dei 500 migliori siti e-commerce del nostro Paese, a dimostrazione dei livelli di eccellenza che sono stati raggiunti nel settore della stampa di foto e gadget. Stampasi ha sede a Milano, ma si rivolge – ovviamente – a clienti di tutta Italia.

Guida alla scelta

Come si può ben immaginare, è ricco e variegato l’assortimento di gadget a cui ci si può affidare per la visibilità nelle fiere. Tra i più comuni, ma non per questo da evitare, ci sono le borse, che assolvono in pieno il proprio compito pubblicitario anche perché sono presenti nella vita quotidiana di ognuno di noi: in macchina o sulla scrivania, ma anche nella borsa o nel taschino della giacca. Per quanto banale possa sembrare, la penna è il gadget migliore che possa essere regalato in occasione di una fiera, sempre che sia stato personalizzato con cura. Anche perché ci sono proposte di tutti i tipi e per tutti i gusti: se ci si vuol allontanare dalle soluzioni più classiche, per esempio, si possono valutare le penne in bambù o addirittura in paglia di frumento. Si tratta di gadget ecologici ideali per le aziende che vogliono dare di sé un’immagine green e improntata alla sostenibilità ambientale.

I cappellini e le shopper

Rimanendo nell’ambito dei gadget classici, ma sempre in grado di registrare un notevole apprezzamento tra chi li riceve, ecco i cappellini e le shopper. I primi possono essere brandizzati in tanti modi differenti: omaggi graditi anche perché hanno un’utilità pratica, con i loghi e le scritte personalizzate che risultano ben visibili. La versatilità, invece, è il tratto peculiare delle shopper, che essendo polifunzionali possono essere usate in una grande varietà di situazioni. Anche in questo caso si può prendere in esame l’ipotesi di ricorrere a materiali sostenibili dal punto di vista ambientale, e tra questi si ricordano il cotone riciclato e la juta. Realizzate con tessuti resistenti ma al tempo stesso leggeri, le shopper vengono portate in giro nella vita di tutti i giorni e, dunque, contribuiscono a promuovere la visibilità di un marchio con efficacia.

I blocchi per gli appunti e le agende

La fruibilità è la caratteristica peculiare dei blocchi per gli appunti e delle agende, che anche nell’epoca digitale conservano la propria funzione a dispetto della pervasività di smartphone e tablet. I taccuini, infatti, si dimostrano dei gadget apprezzati soprattutto quando sono destinati ad addetti ai lavori e professionisti. La personalizzazione aiuta a nobilitare questi oggetti, disponibili in molteplici versioni.

I gadget più tecnologici

Un insieme molto ampio ed eterogeneo è quello dei gadget tecnologici, che comprende per esempio i power bank e le chiavette USB. Queste ultime sono molto gettonate perché aiutano chiunque a conservare i file, di lavoro e personali, senza correre il rischio di smarrirli o di doverne fare a meno per colpa di un imprevisto. Ma anche il power bank è un accessorio che cattura l’attenzione in occasione di una fiera: ognuno di noi, ormai, ha il terrore di rimanere in giro con lo smartphone scarico, e personalizzare questo strumento con un logo aziendale serve a rendere la propria attività più riconoscibile.

Le altre proposte

Infine, uno sguardo agli altri accessori: dei braccialetti si è già detto, anche se oltre a quelli in silicone meritano di essere menzionati i modelli in tyvek o in tessuto. La loro vestibilità è semplice e istantanea. Restando nell’alveo dei gadget per fiere che costano poco, poi, una citazione è doverosa per le spille personalizzate, adatte a numerose tipologie di clientela. Infine, ecco i portachiavi e i portabadge, vale a dire i lanyard.

Letture Consigliate