Game of Thrones Italy, la sigla di GoT in Italia

Game of thrones

Cosa accadrebbe se la serie Game of Thrones fosse ambientata in Italia? Ci hanno pensato al Politecnico di Torino

project adv

La nota serie tv Game of thrones è giunta ormai al rush finale e tiene tutti i suoi fan in ansia, incollati allo schermo. In attesa della messa in onda degli ultimi due episodi: Battle of bastards e Winds of winter, previsti rispettivamente per lunedì 20 e lunedì 27 giugno in anteprima su Sky Atlantic HD, la comunità di addicted sta fremendo per scoprire quali saranno le sorti del trono di spade. La serie, ormai seguitissima, sta portando a risultati stravolgenti: si ipotizzano finali, si scommette sulle vittime, si creano schieramenti tra i fan (tifate Stark? o siete dei Lannister nel sangue?), è addirittura nato il FantaGot, ispirato liberamente al fantacalcio, ma non solo.

L’idea è nata dal Politecnico di Torino e prende il nome di Game of thrones Italy – The project: si tratta di una riproduzione della sigla di Game of thrones in cui i vari Approdo del Re, Grande Inverno, Meereen, diventano le città italiane di Venezia, Roma, Napoli, Firenze, Torino. Il video è stato realizzato all’interno di un più grande lavoro di tesi di laurea presso l’università italiana, e ha richiesto circa quattro mesi di lavoro. In questo Game of thrones tutto italiano gli edifici e i monumenti riprodotti sono stati realizzati grazie all’impiego della grafica digitale.

Uno dei leader del progetto è Chiara Sapio, la quale ha dichiarato:

L’obiettivo della nostra tesi, del team di progetto, è quello di analizzare come le nuove tecnologie e i social media abbiano favorito la produzione e la diffusione di contenuti ispirati alle serie tv da parte delle comunità di fans.

Video del giorno