Germania, sempre più probabile la crisi di governo. Seehofer annuncia dimissioni



Merkel-Erdogan

Il Ministro degli Interni tedesco, Horst Seehofer, ha annunciato le proprie dimissioni, aumentando esponenzialmente i rischi di crisi di governo

Horst Seehofer, leader della CSU bavarese e Ministro degli Interni del governo Merkel, ha annunciato le proprie dimissioni, uscendo di fatto dal governo. La crisi tra Merkel e Seehofer, e tra CSU e CDU, era in corso già da diverse settimane. Il tema principale era la politica da adottare verso i richiedenti asilo: la Merkel è da tempo il simbolo di una Germania accogliente, mentre la CSU bavarese ha sempre avuto posizioni più simili a quelle di Kurz in Austria, diventato infatti loro interlocutore in Europa.

La Merkel puntava molto sul Consiglio Europeo della scorsa settimana per ottenere una posizione comune europea e far rientrare anche le contraddizioni nella propria maggioranza, ma dal Consiglio è uscito solo un documento scialbo e sostanzialmente inutile.

La situazione, come ha detto la stessa Cancelliera, “è seria“. La CDU rischia infatti di perdere il suo alleato storico in Bavaria, la CSU, e veder crollare il governo. Soprattutto, una dinamica del genere rischierebbe di far vincere i partiti xenofobi e antieuropei. L’unica speranza per la Merkel, anche se labile, è che la CSU non appoggi Seehofer nella sua operazione di uscita dal governo.

Il segretario CSU  infatti ha anche presentato le dimissioni dalla guida del partito (per il momento respinte). Se le dimissioni da segretario divenissero effettive e fossero accolte dalla CSU, scaricando di fatto Seehofer dal punto di vista politico, la Merkel potrebbe procedere ad un rimpasto di governo che darebbe aria fresca alla maggioranza e le fornirebbe la possibilità di cambiare le dinamiche in corso nella legislatura.

 

 

 

Leggi anche