Giornata Mondiale contro l’AIDS: nel 2019 sperimentazione nuovo vaccino

AIDS

Si celebra oggi la Giornata Mondiale contro l’AIDS. Nel 2019 partirà la sperimentazione di un nuovo vaccino, ma sono ancora milioni i bambini contagiati

Il virus dell’HIV è senza dubbio una della principali cause di morte ogni anno. Si tratta di un virus contratto per via sessuale o trasmesso di madre in figlio che causa l’AIDS. Al momento non esiste una cura definitiva. Per questo motivo, l’ospedale della Santa Sede, il Bambin Gesù di Roma, è in prima linea nella sperimentazione di un nuovo vaccino terapeutico. Nel 2019, infatti, partirà la seconda fase della sperimentazione di questo nuovo farmaco che potrebbe salvare milioni di vite.

In particolare, la prima fase sperimentale, partita nel 2013 e condotta in collaborazione con l’Università Tor Vergata, aveva preso in considerazione un campione di 20 bambini nati infetti per trasmissione verticale. Visti i risultati incoraggianti, a partire dal prossimo anno verrà preso in esame un campione più ampio di 100 bambini. Inoltre, i pazienti coinvolti saranno sparsi su tre continenti: Italia, Sudafrica e Thailandia.

Il vaccino terapeutico ha il compito di “educare” il sistema immunitario a reagire quando viene in contatto con il virus. Si distinguono da quelli profilattici che, invece, vengono somministrati quando il contagio è già avvenuto.

La Giornata Mondiale contro l’AIDS

Secondo gli ultimi dati raccolti, sono ancora quasi 2 milioni i pazienti in età pediatrica a cui viene diagnosticata la malattia. Per questo motivo, si celebra oggi la Giornata Mondiale contro l’AIDS. Si tratta di un’iniziativa nata per sensibilizzare tutta la popolazione sui rischi portati dalla malattia e, soprattutto, per informare correttamente sulle modalità di trasmissione del virus e come poter evitare che ciò avvenga.

In questo contesto scende in campo Anlaids, l’associazione che da anni si occupa di informare e sensibilizzare, che quest’anno porta avanti lo slogan “#Ti riguarda“.