Gli 89 anni di Chuck Berry, il re del rock

Prima PaginaGli 89 anni di Chuck Berry, il re del rock

Chuck Berry, il re del rock, più volte definito da John Lennon come il primo vero poeta del genere musicale che ha cambiato il mondo, compie oggi 89 anni. Tributi da tutto il mondo

[ads1]

A sentire Robert Zemeckis, la sua canzone più famosa, ossia “Johnny Be Goode“, che racconta la storia di un ragazzo della Louisiana bravissimo con la chitarra ma scarsino con i libri, non l’avrebbe inventata Berry, ma Martin McFly.

Per chi non lo sapesse, Martin McFly è il protagonista della saga di Ritorno al Futuro, ed è il teenager che a bordo della DeLorean DMC-12 inventata dall’amico Emmett “Doc” Brown, se ne va a spasso nel passato, prima nel 1955 e poi nel nostro 2015.

Nel primo e nel secondo capitolo del film che ha segnato la mia generazione, Martin ad un certo punto intrattiene i ragazzi della scuola dove studiano i suoi genitori con questo pezzo, mentre questi ultimi che partecipano al ballo de “L’incanto sotto il mare“.

Si vede allora un certo, inesistente, Marvin Berry che chiama al telefono suo cugino Chuck, per dirgli di aver trovato quel “sound” che lui andava cercando. Quel sound era appunto “Johnny Be Goode“, canzone del 1957 che rivoluzionò il mondo del rock.

Martin quel pezzo lo canta imitando in tutto e per tutto l’uomo che oggi festeggiamo per i suoi 89 anni, l’uomo che ideò il “passo dell’anatra” e scrisse il bellissimo “You never can tell” che nel 1994 fece danzare insieme Uma Thurman e John Travolta in Pulp Fiction.

Chuck Berry compie 89 anni
Chuck Berry compie 89 anni

A quei tempi, quand’ecco un bambino, non capivo perché Martin si dimenava in quel modo: mi servì qualche anno per conoscere il mito di Chuck Berry e le sue canzoni, ammirandolo nella stessa performance copiata da Martin McFly in un video disponibile su YouTube.

Tutto sommato, Zemeckis e Ritorno al Futuro azzeccarono la previsione, ed infatti ad un certo punto, quando una scuola intera resta ad osservare basita Martin che si trascina sul pavimento come Chuck Berry, il teenager chitarrista spedito dal 1985 al 1955 dice: “Penso che ancora non siete pronti per questa musica, ma ai vostri figli piacerà”

Avevano ragione.

Mi piace quindi celebrare Berry ricordando una scena di un film che conosco a memoria e che ha segnato la mia infanzia, un film che sta tenendo sulle spine tutti i suoi fan proprio in questi giorni, perché appunto il 21 ottobre del 2015 Martin McFly dovrebbe giungere dal passato verso il nostro futuro.

Forse tanti, all’epoca, non avrebbero scommesso un soldo sul fatto che Michael Jackson, in questo 2015 nel quale il re del pop appariva sugli schermi di un Caffé di Ritorno al Futuro come ristoratore sarebbe stato ancora in vita, mentre Berry sarebbe divenuto un signore arzillo dalla veneranda età di 89 anni.

Noi a Berry facciamo gli auguri anche se forse non ci leggerà mai, ed ugualmente speriamo che abbia davanti ancora tanti anni di carriera, perché chi cambia le regole del mondo è destinato a farlo per sempre, anche quando non si dimena più, per ragioni esclusivamente anagrafiche, sul palco di un concerto.

Auguri Chuck, grande mito della musica!

[ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
101,046
Totale di casi attivi
Updated on 6 August 2021 - 01:14 01:14