Governo, il secondo giro di consultazioni partirà giovedì

Governo Consultazioni

Il Quirinale ha convocato e ufficializzato i giorni per il nuovo giro delle consultazioni. Giovedì e venerdì saranno le giornate cruciali

project adv

Il Quirinale ha ufficializzato: da giovedì partirà il secondo giro di consultazioni per il Governo. A partecipare, saranno i partiti, con cui Sergio Mattarella partirà, chiudendo poi con le alte cariche istituzionali. Venerdì, invece, sarà il turno dei presidenti delle Camere e del Presidente emerito Giorgio Napolitano.

Luigi Di Maio si dichiara pronto al confronto: “La questione è molto semplice: ci vediamo per fare cosa? Dobbiamo chiarire un paio di premesse, e valgono sia per il PD sia per la Lega. Prima di tutto, qualunque tipo di contratto di governo partirà dai nostri temi. Poi inizierà la contrattazione con gli altri.

Tra i candidati papabili, come premier “traghettatori”, c’è Giovanni Maria Flick, ex Presidente della Consulta. In caso di passo indietro dello stesso Di Maio e di Matteo Salvini, sarebbe da considerare come nome possibile a capo del Governo, in modo imparziale.

Lo stesso Flick ha così commentato: “Sarei un buon premier come tanti altri. Di certo so che il termine “contratto” in politica non mi piace. In questo momento si gioca al “vai tu-vado io”, ma la campagna elettorale è finita sebbene qualcuno non se ne sia accorto e le consultazioni non sono solo un rituale. Purtroppo ho la sensazione che il senso di queste sia rovesciato: si va al Quirinale non per offrire le proprie proposte, ma per sapere cosa pensa il presidente della Repubblica e così regolare la mossa successiva.

Video del giorno