Il Piccolo Principe sbarca al Festival di Cannes

giornata internazionale infanzia

Il Piccolo Principe arriva finalmente al Festival di Cannes, una favolosa avventurosa tra le pagine di aviazione, con cui la bambina scopre il mondo

L’atteso film d’animazione, tratto  dall’opera più conosciuta di Antoine de Saint-Exupéry, Il Piccolo Principe, sbarca al Festival di Cannes. Girato in 3D, c’è di nuovo una protagonista femminile, come Inside Out, proiettato solo pochi giorni fa.

piccolo principe
Il Piccolo Principe

Un vecchio ed eccentrico aviatore e la sua nuova vicina di casa: una bambina molto matura trasferitasi nel quartiere insieme alla madre. Attraverso le pagine del diario dell’aviatore e i suoi disegni, la bambina scopre come molto tempo prima l’aviatore fosse precipitato in un deserto e avesse incontrato il Piccolo Principe, un enigmatico ragazzino giunto da un altro pianeta. Le esperienze dell’aviatore e il racconto dei viaggi del Piccolo Principe in altri mondi contribuiscono a creare un legame tra l’aviatore e la bambina. Affronteranno insieme una straordinaria avventura, alla fine della quale la bambina avrà imparato ad usare la sua immaginazione e a ritrovare la sua infanzia.

Il Piccolo Principe è in realtà una storia che spiega il passaggio tra l’infanzia e l’adolescenza, che mette in scena due modi di vedere (la bambina e il vecchio aviatore) attraverso due stili diversi: dalla computer grafica per la realtà e la stop motion per i prelievi dal libro. Il piccolo principe incontrato dall’aviatore, durante la sua caduta, rimette in comunicazione visioni del mondo universali in cui si può identificare la bambina.

Trasferitasi con la madre da poco, il libro che sfoglia e la storia che legge, sono le “armi” con le quali riuscirà a comprendere ciò che la circonda. Un’esperienza di aviazione che incontra lo sguardo di un bambino e arricchiscono la crescita della bambina.

A Cannes sfilano anche i doppiatori italiani: Stefano Accorsi, Pif, Toni Servillo, Alessandro Siani e Paolo Minaccioni.