Estesi incendi avvolgono la Bolivia e il Brasile: distese di terra bruciata



L’attenzione mediatica internazionale è condensata sull’incendio in Amazzonia, Brasile. Ma anche la Bolivia sta combattendo la propria battaglia

Mentre il Brasile annuncia l’apertura di un’inchiesta per roghi dolosi in Amazzonia, la foresta brucia anche in Bolivia.

Quasi un milione di ettari finiti in fumo nel territorio dello Stato sudamericano. Le operazioni di spegnimento distese su vasta scala.

Almeno 38,793 fuochi bruciavano in tutto il paese, come il fine settimana, per un totale di 3.700 miglia quadrate (di 950.000 ettari) era stato bruciato finora questo anno, in base al Cliver Rocha, direttore nazionale delle Foreste e dei Terreni Autorità.

Le fiamme hanno in particolare devastato una superficie pari al 32% della foresta della regione di Chiquitano, nell’est del paese.

Intanto, Bolsonaro ha attaccato a testa bassa Macron e ha dichiarato che il suo paese «non può accettare che si lancino attacchi gratuiti e fuori luogo contro il modo in cui gestisce l’Amazzonia, né che travesta le sue intenzioni dietro all’idea di una alleanza dei paesi del G7 per salvare l’Amazzonia, come se fossimo una colonia».

Il governo brasiliano ha dichiarato ieri sera che rifiuterà l’offerta del G7 di 20 milioni di dollari di aiuti per la lotta agli incendi in Amazzonia.

Palacio do Planalto non ha al momento indicato il motivo del rifiuto. In precedenza il ministro dell’Ambiente brasiliano Ricardo Salles aveva al contrario dichiarato che l’aiuto del G7 sarebbe stata gradita. Ma Bolsonaro mette in dubbio i dati internazionali sugli incendi in Amazzonia e afferma che la situazione rientra nei limiti normali.

 

Leggi anche