Jeremy Irvine al Giffoni 2018: “Il film con Spacey? Sacrificare tutti per uno è ingiusto”



Jeremy Irvine
Foto di Zon.it

Jeremy Irvine presenta “Mamma Mia!” al Giffoni 2018. Parla del movimento #Metoo e di politica inglese. “#Metoo ha capovolto tante situazioni ambigue”, dice

Jeremy Irvine è la stella internazionale di questa sesta giornata di Giffoni 2018. L’attore è qui per l’anteprima dell’attesissimo film “Mamma Mia!Ci risiamo”, sequel del famosissimo “Mamma Mia!”. Sul musical, spiega “credo che la chiave del suo successo sia l’emozione trasmessa in maniera alternativa al recitato attraverso la canzone. Per questo tante cose dal teatro stanno approdando sullo schermo. Io stesso non ero un fan del genere, eppure facendolo ho imparato ad amarlo ed adesso ci sono assolutamente dentro”.

Per il film, Irvine dichiara di essersi preparato in maniere inaspettate. “Credevo di dover puntare di più sul ballo, invece la preparazione maggiore ho dovuto affrontarla con il canto”. L’attore arriva in un cast già consolidato e importante, ma dice di non sentirsi a disagio. “Ho fatto tanti provini per arrivare su quel set” – dice – “ma ho già lavorato con il regista in “Now is good”, quindi non mi sono sentito spaesato”.

Jeremy, che sarà protagonista di uno dei pochi film con Kevin Spacey che uscirà nelle sale prossimamente, parla anche di politica e del movimento #Metoo. “Ha cambiato tante cose. Mi è capitato di vedere situazioni ambigue durante i provini, adesso non sta succedendo più e l’aria che si respira è diversa grazie a loro. Trovo però che dietro un film ci sia un lavoro di tanti, sacrificarlo solo per le accuse ad un singolo, in questo caso Kevin Spacey, sia ingiusto”.

Sei i film dell’attore in uscita nelle sale in questi mesi, ma lui dichiara di non sentirsi schiacciato da Hollywood. “I miei amici mi tengono con i piedi a terra.” – ammette – “Quando ho proposto sul nostro gruppo whatsapp di vedere tutti insieme Mamma Mia, mi hanno mandato a quel paese”. Hollywood però non è il suo background di origine: l’attore, infatti, è di nazionalità inglese e sua madre è fortemente impegnata in politica. Lui, su quanto sta accadendo in Inghilterra, dice: “non sono un politico, sono un attore, ma trovo orrendo che l’Inghilterra stia spezzando in maniera tanto spregiudicata i rapporti con l’Europa. Esistevano per un motivo e tutelarli è interesse nostro e dell’Europa”.

 

Leggi anche