Nel pomeriggio di ieri la presentazione del nuovo acquisto bianconero Gonzalo Higuain che ha dichiarato di essere felice per la scelta, ma restio a ringraziare il presidente Aurelio De Laurentiis per quanto fatto in questi anni

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Si è svolta nel pomeriggio verso le ore 16.00 la presentazione ufficiale del neo-acquisto della Juventus Gonzalo Higuain, arrivato dal Napoli grazie al pagamento della clausola rescissoria di 94 milioni di euro. Il giocatore ha firmato un contratto di 5 anni a 7,5 milioni di euro a stagione, ed ha scelto la maglia numero nove appartenuta nello scorso anno a Morata.

La conferenza stampa di oggi si è prolungata per 90 minuti circa, ed è stata occasione per i numerosi giornalisti presenti, come era prevedibile, di capire soprattutto le motivazioni che hanno portato l’argentino ad accettare la corte bianconera. A questa domanda, molto gettonata, il centravanti ha risposto più volte con dichiarazioni di circostanza affermando che la Juventus “è una grandissima squadra, senza dubbio. Hanno una mentalità vincente ed un progetto incredibile. Parliamo di una squadra conosciuta in tutto il mondo, abituata a vincere. E’ palesemente chiaro” – ha proseguito Higuain- “che tutti conoscono la Juventus, dai bambini ai più grandi. Questa la motivazione principale che mi ha portato qui. Voglio ringraziare la società che mi ha voluto e farò di tutti per ripagare la loro fiducia sul campo.”

higuainA chi gli domanda del suo comportamento giudicato un po’ maleducato, relativo al totale silenzio adottato nei confronti dell’ex mister Sarri, in grado di valorizzarlo al massimo nello scorso campionato dopo due annate non ottimali, il centravanti risponde in modo ancora più freddo affermando di aver “fatto quella scelta di proposito per stare in tranquillità durante le vacanze con la mia famiglia. Non posso che parlare bene di lui. E’ stato un grandissimo allenatore per me, mi ha fatto crescere e se in qualche modo l’ho offeso gli chiedo scusa da qui.” 

I toni distaccati e pacati cambiano notevolmente quando, come era prevedibile, arriva la domanda sul rapporto del calciatore con il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, personalità cui il pipita non riserva parole propriamente dolci affermando che il rapporto tra i due negli ultimi tempi si era incrinato perché “Il suo modo di pensare non è il mio. La scelta di venire qui è stata fatta anche perché mi ha spinto lui a farla. Già dopo tre anni che ero a Napoli avevo deciso di cambiare aria per colpa sua, e per questo non mi sento di ringraziarlo proprio per nulla. Non avevo più voglia  di stare con lui, ma questo non conta più, ora sono della Juve e lavorerò al massimo per ripagare lo sforzo che la società ha fatto per avermi qui”.

[ads2]

Letture Consigliate