Keith Jarrett: “Non sono più un pianista a causa di due Ictus”

MusicaKeith Jarrett: "Non sono più un pianista a causa di due Ictus"

Keith Jarrett ha raccontato la sua vita dopo i due ictus avuti a distanza di quattro mesi l’uno dall’altro: “Non so cosa mi porterà il futuro. Quello che posso dire ora è che non sono più un pianista”

Keith Jarrett ha raccontato la sua vita dopo i due ictus avuti a distanza di quattro mesi l’uno dall’altro. Keith Jarrett ha parlato delle attuali condizioni di salute che lo costringono a restare lontano dalla musica: “Fingevo di essere Bach con una mano sola. Non potrò guarire. Il massimo che posso fare con la mano destra è reggere una tazza. Quindi non si tratta di dire “sparate al pianista”. Mi hanno già sparato”.

La sua carriera inizia con Art Blakey, Charles Lloyd e soprattutto con Miles Davis. Fin dai primi anni settanta riscuote grande successo nel jazz e nella musica classica, come leader e come solista. La sua tecnica d’improvvisazione pianistica abbraccia, oltre al jazz, diversi generi musicali: in particolare musica classica, gospel, blues e musica etnica. Ad oggi è considerato uno dei migliori improvvisatori e uno dei pianisti di maggior successo nella storia del jazz.

Keith Jarrett ha sofferto di quella che venne diagnosticata come una sindrome da fatica cronica alla fine degli anni novanta e fu costretto al confino nella sua casa per lunghi periodi di tempo.

Rita Milione
Classe '99 da Cava de' Tirreni, studentessa presso la facoltà di Scienze Politiche all'Università degli Studi di Salerno. Appassionata di social media, musica e giornalismo.

Covid-19

Italia
105,083
Totale di casi attivi
Updated on 24 September 2021 - 17:08 17:08