Immagine YouTube

L’allenatore della Lazio Simone Inzaghi rischia la squalifica per delle espressioni blasfeme in Lazio-Sassuolo

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, sembra essere sotto inchiesta per una serie di espressioni blasfeme espresse durante la partita Lazio-Sassuolo. L’indagine che in queste ore si è già conclusa, è partita dalla Procura Federale su segnalazione degli ispettori presenti durante la partita.

Potrebbe interessarti:

Ora si va verso il deferimento con il legale dell’allenatore dei bancocelesti, che cercherà di patteggiare per evitare di andare di fronte al Tribunale Nazionale Federale. Sorte che invece toccherà a Buffon segnalato per aver bestemmiato sul campo.

I rischi che comunque corre Inzaghi a causa delle bestemmie potrebbero essere simili a quelli a cui è andato incontro l’ex allenatore del Parma, Liverani. Il tecnico della squadra infatti che era stato segnalato per motivazioni simili a quelle di Inzaghi, grazie al patteggiamento con il tribunale gli furono dati solo un giorno di squalifica anziché due.

Si spera quindi nella possibilità di una punizione minima nei suoi confronti, sopratutto viste le condizioni in cui è la Lazio in campionato. Una squadra che sta comunque giovando della direzione e gestione presa grazie dal suo tecnico. Ma che deve comunque fare i conti con alcune difficoltà riscontrate con i suoi giocatori impegnata tra infortuni e incertezze sul futuro di alcuni.

Letture Consigliate