Principe Filippo
Print da video youtube

Dopo il ricovero presso il King Edward VII, le condizioni di salute del Principe Filippo d’Inghilterra non sembrano affatto migliorate

Buckingham Palace mantiene estremo riserbo sulle condizioni di salute del 99enne Principe Filippo d’Inghilterra. Ciò che è stato reso noto all’opinione pubblica, è che il principe ha deciso di entrare in ospedale su sua stessa richiesta per effettuare accertamenti a seguito di un’infezione non ben precisata.

Potrebbe interessarti:

Durante le due settimane di ricovero, sebbene sia abbastanza certo che il Principe non abbia il covid, poichè ha già ricevuto il vaccino, il figlio Carlo che si trovava a circa 160 kilometri da Londra, nella residenza di campagna di Highgrove, gli ha fatto visita. Le immagini del Principe Carlo, che lasciava l’ospedale londinese visibilmente commosso hanno subito fatto il giro dei media.

Non sono mancati gli insulti dei londinesi nei confronti dell’erede al trono britannico, a cui è stato consentito fare visita al padre nonostante i divieti determinati dall’emergenza pandemica, che impediscono a qualunque cittadino di spostarsi e fare visita ad un familiare in ospedale.

Nelle ultime ore il Principe Filippo è stato trasferito in un altro ospedale londinese, il St Bartholomew’s Hospital nei pressi di St Paul’s Cathedral per essere sottoposto a dei non ben definiti esami cardiologici a seguito di una condizione pre-esistente.

Letture Consigliate
Articolo precedenteBonus Vacanze 2021: proroga, importo e requisiti
Prossimo articoloJuventus, membro del gruppo squadra positivo al Covid
Gaudieri Brunella
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.