Lo spettacolo delle Isole Cicladi



cicladi

Un viaggio in una delle mete più gettonate nel periodo estivo: le Cicladi

Profumo di Mediterraneo in uno scenario ancora a tratti incontaminato dove gli alberi da frutta tipici delle zone calde del sud Europa si specchiano in un mare cristallino. Il nome Cicladi deriva dalla caratteristica forma a cerchio che le isole compongono intorno a Delos, l’isola sacra ad Apollo.

Sono ben 220 le isolette sparse in un raggio di pochi chilometri. Piccoli gioielli incastonati nel blu dell’Egeo, il mare culla della civiltà occidentale. Sono solo 39 le isolette abitate, il resto, poco più che scogli, giacciono solitari visitati sporadicamente dai turisti in piena estate. Amorgos e Folegandros sono l’ideale per chi ha bisogno di passare qualche settimana in completa rilassatezza.

cicladi
Cicladi

Distese di terra brulla cotta dall’implacabile sole estivo e spazzate da un costante vento le Cicladi possono nascondere tesori davvero sorprendenti figli di cinque millenni di storia.  Per chi preferisce scoprire l’arte la meta ideale è Santorini con il bellissimo santuario di Artemidoros risalente al IV secolo dopo Cristo ed i resti della antica città di Thira. Da visitare anche Naxos e Serifos.

Se le isole “minori” possono rappresentare un ottimo punto dove staccare completamente la spina in un clima di totale relax le più rinomate Santorini, Mykonos, Ios e Paros sono, invece, la meta per chi preferisce passare un’estate divertendosi. Discoteche, locali notturni caratterizzano queste isole. Da visitare Oia, la spiaggia di Santorini meta dei fidanzati in cerca del famoso tramonto che viene salutato puntualmente da un applauso.

Ad affascinare i visitatori sono le candide case realizzate nell’architettura caratteristica tradizionale imbiancate dalla calce ed abbinate al blu delle finestre. Stessa tonalità delle piccole chiese costruite nella semplicità tipica della tradizione bizantina. Rinomate anche le spiagge con colori davvero particolari. Il periodo migliore per visitare le Cicladi è il periodo tra marzo ed ottobre evitando gli affollamenti e godere di un clima sempre mite. I piatti da assaporare, oltre al classico yogurt, è il “mezé” di pesce accompagnato dal liquore Ouzo.

Leggi anche