Manu Dibango, muore per coronavirus la leggenda della musica jazz



manu dibango
immagine da youtube

Muore a 86 anni, a causa del Coronavirus, la leggenda della musica jazz africana, Manu Dibango. Era stato nominato “Artista per la pace”

Il coronavirus continua a mietere vittime anche nel mondo degli artisti. Purtroppo, Covid-19 ha colpito fatalmente la leggenda della musica jazz africana Manu Dibango. Aveva 86 anni ed era ricoverato già da qualche giorno presso un ospedale della capitale francese.

Emmanuel N’Djoké Dibango, noto come Manu Dibango, è nato Douala in Camerun il 12 dicembre 1933. Trasferitosi sin da giovane in Francia, prima a Marsiglia, poi a Reims e Parigi, inizia a studiare e suonare musica in diversi jazz club francesi. Stringe una collaborazione con Nino Ferrer e nel 1972 pubblica “Soul Makossa”, brano destinato a vendere milioni di dischi.

Consacrato a musicista jazz di fama mondiale, grazie alla fusione tra jazz e soul misti alla musica tradizionale africana, inizia una serie di tournée mondiali e pubblica diversi album che vendono milioni di copie. Riceve riconoscimenti e cittadinanze onorarie fino al 2004 quando l’Unesco lo proclama “Artista per la pace”. Nel 2019 Manu Dibango festeggia i 60 anni di carriera, durante i quali ha inciso circa 70 dischi. Tra le collaborazione che è possibile annoverare, quelle con artisti sia locali che di fama internazionale: Fela Kuti, Don Cherry, Peter Gabriel, Angelique Kidjo, Youssou N’Dour e Jovanotti. Il suo ultimo album, uscito nel 2011, è stato “Ballad Emotion“.

Leggi anche