Angela Merkel Coronavirus Germania
Immagine da Pixabay

In corso da stamattina il consiglio dei ministri a Bruxelles per decidere le sorti del Recovery Fund. La Merkel invita a trovare un accordo. Olanda ancora fuori

Il Consiglio europeo straordinario riunito a Bruxelles dalle 10 per cercare un accordo sul prossimo bilancio comunitario e sul Recovery Fund per fronteggiare la crisi pandemica. I “frugali” non arretrano rispetto alle richieste dei giorni scorsi e agitano ancora una volta lo spauracchio del rinvio di qualsiasi decisione. Nuovo fronte per i Paesi mediterranei e la Germania di Angela Merkel. Il nuovo asse Italia-Francia trova l’appoggio della Germania della Merkel che auspicano che si raggiunga un’intesa al più presto. “Dobbiamo guardare in faccia la realtà” della crisi “ e tutti devono davvero essere disposti a scendere a compromessi in modo da poter ottenere qualcosa di buono per l’Europa”, ha sintetizzato la cancelliera arrivando al vertice, nel giorno del suo compleanno. Ma “le differenze” tra i leader Ue “sono ancora molto, molto grandi e non possiamo prevedere se riusciremo a raggiungere un risultato”.

L’Olanda – capofila del fronte dei frugali insieme ad Austria, Svezia e Danimarca – continua a insistere sul voto all’unanimità dei leader sui piani di ripresa nazionali. La  conseguenza sarà la possibilità di bloccare con un veto l’erogazione di fondi ai Paesi che non facciano riforme secondo i desiderata dell’Aja. Ipotesi bocciata sonoramente da Giuseppe Conte e ritenuta impraticabile.