Migranti, la strage si ripete



naufragio

Nuovo sbarco di migranti ad Agrigento, sulla costa siciliana. Due morti, non si esclude la possibilità della presenza di altri corpi in mare

All’alba di questa mattina, la costa Agrigentina si è vista di nuovo suo malgrado protagonista di un altro sbarco di migranti.

Un barcone con decine migranti di origine magrebina, libica e tunisina si è spiaggiato sulla costa di Torre Salsa, dove purtroppo almeno due persone che si trovavano a bordo dell’imbarcazione sono morti; finora la Guardia Costiera ha individuato solo due corpi, ma non vi è certezza, perché in seguito ad alcune spiegazioni date dagli altri migranti si migrantiteme ci possano essere altri corpi in mare.

Gran parte dei sopravvissuti, una volta giunti sulla spiaggia, hanno fatto perdere le proprie tracce; solo una parte di loro sono stati fermati.

Purtroppo quanto accaduto oggi sulla costa sicula è l’ennesima devastante immagine di una meta raggiunta dopo giorni e notti di navigazione, dalla Libia alla Sicilia, sul tipico malandato peschereccio da dieci metri che a poche decine di metri si incaglia sul fondale, ondeggia e sbalza dalle fiancate migranti che non sanno nuotare, privi di giubbotti salvavita. Tutti giovani, due minori fra i sopravvissuti, pronti a raccontare il dramma a un mediatore culturale.

Leggi anche