Migranti, primo accordo Ue per redistribuzione



Luciana Lamorgese, migranti
Screenshot da Youtube

Accordo  tra Francia, Germania, Italia e Malta. Lamorgese:”Chi arriva in Italia arriva in Europa”. Di Maio: “Soluzione migliore è bloccare partenze migranti”

Quello che si è tenuto oggi a Malta è stato un importante passo verso una politica comune Europea per l’emergenza migranti. Luciana Lamorgese, neo ministra dell’ interno, è riuscita a strappare ai suoi omologhi una bozza di testo che potrà finalmente cambiare e superare il regolamento di Dublino.

“Da oggi Italia e Malta non sono più sole, c’è la consapevolezza che i due paesi rappresentano la porta d’Europa. Il testo predisposto va nella giusta direzione, ci sono contenuti concreti e abbiamo sciolto nodi politici complicatiafferma la Lamorgese.

La titolare del Viminale ha poi specificato:”Oggi è stato fatto il primo passo concreto dell’approccio ad un’azione comune europea in tema di immigrazione. L’Italia non sarà più il Paese di primo approdo. Mi fa piacere dire che l’Italia non è più sola: arrivare in Italia vuol dire arrivare in Europa».

Soddisfazione anche per i colleghi della ministra. Horst Seehofer, il ministro degli interni tedesco, ha dichiarato:”Senza questo accordo la revisione di Dublino non sarebbe possibile. Sono stati identificati alcuni regolamenti che aiutano Italia e Malta con procedure chiare e prevedibili per la riduzione dei rifugiati. Ottimista che in un breve futuro riusciremo a fare una politica comune europea».

Di Maio plaude il lavoro fatto da Lamorgese in tema migranti, ma è critico sulle redistribuzioni dichiarando:”Faccio i complimenti a Lamorgese per l’accordo e la dichiarazione d’intenti sui migranti. Fatemi dire però che la redistribuzione dei migranti non è la soluzione al fenomeno migratorio. La risposta è il blocco delle partenze. Per questo dobbiamo stabilizzare la Libia”

 

Leggi anche