Milano: è boom di residenze, ma la natalità è in calo



milano, fontana, lombardia, coronavirus O Mia Bela Madunina
immagine da pixabay

Milano da record. È boom di residenti, superata quota 1,4 milioni. Al minimo però l’indice delle nascite, è il dato più negativo degli ultimi cento anni

Milano mai così abitata. I dati contano 1404.239 residenti in più nella città della Madonnina. Mai così tanti dal 1990, sono quindi passati circa 30 anni. La quota ammonta a 1,4 milioni ed è davvero impressionante. Non solo milanesi, ma anche i “I nuovi milanesi”. Merito della Brexit? Non solo secondo il sindaco Giuseppe Sala, ma è anche e soprattutto merito dell’aspetto cosmopolita di Milano.

Una Milano figlia di uno sviluppo interessante che fa gola a tanti giovani studenti italiani e stranieri. Il sindaco ha spiegato che nella città si sta verificando una sorta di “rientro dei cervelli“, infatti stanno rientrando da Londra tanti italiani. Dati molto interessanti e incoraggianti, tuttavia l’altro lato della medaglia mostra una Milano con il più basso tasso di natalità. 

Un record storico oltremodo negativo, mai così basso da oltre cento anni. I neonati nati nella città tra il 2018 e il 2019 sono stati solo 9.671. Un numero più basso Milano l’aveva toccato solo nel 1919 con 8.800 neonati. Numeri che evidenziano un paradosso evidente secondo cui più residenti non vuol dire più nuovi nati, bensì più milanesi e nuovi milanesi.

Leggi anche