Mondiali Russia 2018, la classifica marcatori: Kane continua la corsa

classifica marcatori, mondiali, kane
Foto: Instagram England

Nella classifica marcatori dei Mondiali, Harry Kane segna il suo sesto gol e va ai quarti; Yerry Mina è il difensore bomber: 3 reti

Harry Kane segna il sesto gol nei Mondiali ed è sempre più leader solitario della classifica marcatori. Il centravanti inglese timbra dal dischetto (il 3° del torneo) e stacca gli avversari.

In corsa è rimasto soltanto Romelu Lukaku, fermo a quota 4 e lasciato solo dall’uscita di scena da parte di Cristiano Ronaldo. Lo scettro sembra andare verso Londra.

Scorrendo la classifica marcatori, troviamo la sorpresa Yerry Mina. Il centrale colombiano ha segnato il terzo gol del suo Mondiale che è servito ai Cafeteros di andare ai supplmentari contro l’Inghilterra, salvo poi essere eliminato ai rigori. La consolazione per Mina è quella di essere uno dei difensori-goleador di questo Mondiale.

Cruciali saranno i quarti di finale: uno tra Griezmann e Suarez tornerà a casa, così come uno tra Neymar (salito a quota 2) e Lukaku. Mentre, dall’altra parte, la colonia ItalCroazia (Mandzukic a segno contro la Danimarca) sfiderà i padroni di casa della Russia. Infine, la Svezia proverà ad arginare la forza dell’Uragano Kane.

La classifica marcatori

6 RETI: Harry Kane (Inghilterra, 3 rig.)

4 RETI: Cristiano Ronaldo (Portogallo, 1 rig.), Romelu Lukaku (Belgio);

3 RETI: Denis Cheryshev, Artem Dzyuba (1 rig., Russia), Diego Costa (Spagna), Kylian Mbappé (Francia), Edinson Cavani (Uruguay), Yerry Mina (Colombia);

2 RETI: John Stones (Inghilterra), Mile Jedinak (Australia, 2 rig.), Luka Modric (Croazia, 1 rig.), Philippe Coutinho (Brasile), Ahmed Musa (Nigeria), Eden Hazard (Belgio, 1 rig.), Luis Suarez (Uruguay), Mohamed Salah (Egitto), Andreas Granqvist (2 rig., Svezia), Heung-Min Son (Corea del Sud), Wahbi Khazri (Tunisia), Antoine Griezmann (2 rig., Francia), Sergio Aguero (Argentina), Neymar Jr. (Brasile), Takashi Inui (Giappone);

UNA RETE: Yuri Gazinskiy, Aleksandr Golovin (Russia), José Gimenez (Uruguay), Nacho Fernandez, Isco, Iago Aspas (Spagna), Benjamin Pavard (Francia), Lionel Messi, Marcos Rojo, Angel Di Maria, Gabriel Mercado (Argentina), Alfred Finnbogason, Gylfi Sigurdsson (1 rig., Islanda), Yussuf Poulsen, Christian Eriksen, Zanka (Danimarca), Ante Rebic, Ivan Rakitic, Milan Badelj, Ivan Perisic, Mario Mandzukic (Croazia), Aleksander Kolarov, Aleksander Mitrovic (Serbia), Hirving Lozano, Carlos Vela (1 rig.), Javier Hernandez (Messico), Paulinho, Thiago Silva, Roberto Firmino (Brasile), Steven Zuber, Granit Xhaka, Xherdan Shaqiri, Blerim Dzemaili, Josip Drmic (Svizzera), Ola Toivonen, Ludwig Augustinsson, Emil Forsberg (Svezia), Dries Mertens, Michy Batshuayi, Adnan Januzaj, Jan Vertonghen, Marouane Fellaini, Nacer Chadli (Belgio), Ferjani Sassi (1 rig.), Dylan Bronn, Fakhreddine Ben Youssef (Tunisia), Shinji Kagawa (1 rig.), Yuya Osako, Keisuke Honda, Genki Haraguchi (Giappone), Juan Quintero, Radamel Falcao, Juan Cuadrado (Colombia), M’baye Niang, Sadio Mané, Moussa Wagué (Senegal), Grzegorz Krychowiak. Jan Bednarek (Polonia), Young-Gwon Kim (Corea del Sud), Marco Reus, Toni Kroos (Germania), Jesse Lingard (Inghilterra), Felipe Baloy (Panama), Khalid Boutaib, Youssef En-Nesyri (Marocco), Ricardo Quaresma, Pepe (Portogallo), Karim Ansarifard (Iran, 1 rig.), Victor Moses (Nigeria, 1 rig.), André Carrillo, Paolo Guerrero (Perù), Kendall Watson (Costa Rica).

AUTOGOL: Aziz Bouhaddouz (Marocco, pro Iran), Aziz Behich (Australia, pro Francia), Oghenekaro Etebo (Nigeria, pro Croazia), Thiago Cionek (Polonia, pro Senegal), Ahmed Fathi (Egitto, pro Russia), Denis Cheryshev (Russia, pro Uruguay), Edson Alvarez (Messico, pro Svezia), Yann Sommer (Svizzera, pro Costa Rica), Yassine Meriah (Tunisia, pro Panama), Sergey Ignashevich (Russia, pro Spagna).