pirellone

Nata i figli dei Falchetti del Pirellone, rinominati affettuosamente dal popolo del web Giò e Giulia. La coppia è stata seguita per otto anni consecutivi, dal corteggiamento fino alla schiusura delle uova

Il grattacielo Pirellone, oltre ad essere uno dei più riconoscibili simboli di Milano nonché sede del Consiglio Regionale, si è anche rivelata un piccolo ma sicuro nido d’amore per due falchi pellegrini. Conosciuti per lo più come “falchetti del Pirellone”; in seguito gli sono stati affibbiati i nomi di Giò & Giulia, con cui vengono tutt’oggi chiamati. Ormai divenute a tutti gli effetti delle vere star, la nascita dei loro piccoli era un momento che non poteva che generare grande curiosità. Curiosità testimoniata anche dal fatto che sono state installate ben due webcam vicino al nido, in modo da poter seguire la coppia 24 ore su 24.

Potrebbe interessarti:

Era la primavera del 2014 quando, per la prima volta, sono stati intravisti i due falchetti del Pirellone, e i cittadini hanno avuto modo di seguire nel dettaglio tutte le fasi della “storia d’amore”, dal corteggiamento fino ad arrivare alla nascita dei figli. La nascita dei piccoli era prevista per Lunedì dell’Angelo, ma il freddo delle ultime settimane non ha fatto altro che prolungare l’attesa.

Tuttavia era chiaro a tutto che era solo questione di tempo, prima che arrivasse il lieto evento. Il naturalista Guido Pinoli, colui che ha coperto la presenza dei falchi nell’attico del Pirelli e ne ha studiato le mosse per i successivi otto anni, ha rivelato che “negli ultimi giorni Giulia non ha mai lasciato il nido e non si è alternata con Giò, che le ha invece portato il cibo con cui sfamarsi, Egli sapeva che la schiusa era vicina“. Ha poi concluso dicendo: “Possiamo presupporre che a loro piace stare in questa città. Malgrado alcuni disturbi per lavori al grattacielo, la loro fedeltà al nido è sintomatica

Letture Consigliate