palestre e piscine
da pixabay

Il Cts ha approvato le norme in vista di una riapertura: lezioni individuali nelle palestre e spazio di 10 metri quadrati in piscina

Dopo 3 mesi e mezzo di chiusura forzata ed inattività, il mondo dello sport – che si conferma uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia – si avvia alla ripresa. Il Ministero dello Sport e il Comitato tecnico scientifico hanno fissato alcune regole per chiedere le riaperture degli impianti: le principali riguardano il fatto che le lezioni dovrebbero essere soltanto individuali e in piscina il distanziamento minimo dovrebbe essere di 10 metri quadri. Si ricorda che l’ultimo Dpcm del 16 gennaio aveva disposto la chiusura delle strutture fino al 5 marzo. L’eventuale riapertura dovrà essere contenuta nel prossimo Dpcm che sarà adottato dal nuovo governo Draghi.

Potrebbe interessarti:

Le norme anti-Covid

Per le palestre gli scienziati confermano quanto già era emerso in via ipotetica nelle ultime settimane ovvero una riapertura limitata solo per lezioni individuali. Per quanto riguarda le piscine, il Cts chiede che sia assicurato ad ogni utente uno spazio minimo di 10 metri quadrati. Inoltre è previsto l’ok per le attività sportive e di danza indirizzata ai bambini che vanno a scuola. Restano in vigore alcuni divieti relativi alle aree comuni: necessario mantenere la distanza interpersonale di almeno 2 metri, sarà vietato fare la doccia in palestra e tutti gli strumenti andranno costantemente sanificati.

Letture Consigliate