La pasta non fa ingrassare, lo dicono gli esperti. Chi la consuma con regolarità e moderazione tenderebbe ad essere più in forma rispetto a chi se ne priva. Sarà vero?

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Se non sapete cosa mettere in tavola oggi, e anche se l’avete già proposta nel menu di ieri, non abbiate paura:la pasta andrà benissimo. Pare infatti che chi ne consuma regolarmente, sempre con moderazione, come tutte le cose, sarebbe più in forma rispetto a chi ne consuma poca o per niente. A darci questa bella notizia è uno studio condotto presso il Dipartimento di Epidemiologia dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli (Isernia). Secondo questo studio, le persone che ne consumano con regolarità e in una quantità di circa 50 grammi al giorno, oppure, in percentuale, il 10% del fabbisogno calorico giornaliero, tenderebbero ad essere più in forma e più magre di chi, al contrario, non ne consuma o ne assume poca.

pasta
secondo un recente studio la pasta non farebbe ingrassare

Sempre ricordando che la moderazione è la prima cosa, i ricercatori hanno concluso che il consumo di pasta non contribuirebbe all’aumento del peso corporeo: assumerla equivarrebbe a un IMC più basso, con una minore circonferenza addominale e un miglior rapporto vita-fianchi.

La pasta, inoltre, è un alimento facile da digerire, sazia perché ricca di fibre, ha un basso indice glicemico e contribuisce a tenere bassi i livelli di grassi nel sangue. Ora non correte tutti in cucina a cucinare una lasagna, però! Ci sono alcune piccole regole da seguire. Oltre alla moderazione, quello a cui dobbiamo stare attenti è il modo in cui condiamo questo goloso piatto universale. Va da sé che un piatto di pennette al pomodoro tagliato fresco con un po di olio crudo sia meglio delle stesse pennette con panna e prosciutto, spruzzate di formaggio. Insomma, moderazione e condimenti giusti come i legumi o verdure, che con le loro proprietà contribuiscono a rendere la pasta un piatto completo e bilanciato. W la pasta!

[ads2]

Letture Consigliate