Pierino Prati, testimonial Ge.Ca., stringe il sodalizio Milan



pierino
Pierino P

“The legend” Pierino Prati,  per un’intera giornata è stato il testimonial del sodalizio calcistico dell’asse Milano–Napoli

Presso lo Stadio Vigilante Varone di Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli, il mitico matador dell’Ajax, Pierino Prati, che nel 1969 trafisse per ben tre volte la rete degli olandesi nell’allora Coppa dei Campioni, ha dato lezione di calcio ai piccoli dell’ASD Ge.Ca.

pierino
Prati con i ragazzi Geo Cirillo ed Eligio Sicignano

Questa scuola calcio, guidata dai tecnici Catellino Gargiulo e Geo Cirillo sotto la direzione atletica dell’emergente dott. Eligio Sicignano è stata posta sotto la lente d’ingrandimento da parte del Milan.

Il testimonial Pierino Prati ha avallato un sodalizio che è stato promosso a pieni voti dall’ex attaccante del Milan di Nereo Rocco. Adesso, a tutti gli effetti, la Ge.Ca. ASD è un’affiliata dell’AC Milan.

Pierino Prati ha verificato l’impiantistica della scuola tramite l’Assessorato allo Sport del Comune di Sant’Antonio Abate, che ha concesso in gestione il Campo comunale all’Associazione Sportiva Dilettantistica a tempo indeterminato.

Poi, il campione di Cinisello Balsamo è passato alla pratica. Direttamente sul sintetico di ultima generazione del Comunale Vigilante Varone ha prima visionato e conosciuto singolarmente i piccoli atleti abatesi e poi ha impartito loro alcune prove pratiche.

In serata, alle 19:30, presso la sala convegni della Biblioteca Comunale, Pierino Prati ha portato il messaggio della Società Milan.

pierino
Pierino Prati in conferenza

Tanti aneddoti legati alla brillante carriera dell’attaccante, raccontati dalla sua voce. A partire dal suo primo esordio tra i professionisti. Il fato ha voluto questa sua prima esperienza proprio in terra Campana. A soli diciassette anni disputò il suo primo campionato nella Salernitana, allora militante in B.

Tra i tanti bellissimi ricordi, a Salerno anche il suo più grave infortunio. In una gara della Salernitana, a Torre Annunziata contro il Savoia, una brutta entrata di un avversario gli provocò la frattura del perone che tenne Prati fuori dai campi di calcio per cinque mesi. La sua ripresa fu poi una continua crescita che lo portò a conquistare, con il Milan, la Coppa Campioni e quella Intercontinentale.

pierino
Pierino Prati campione di vita e di sport

La chiusura della sua conferenza è stato il messaggio che il Milan ha inviato all’ASD Ge.Ca. tramite la sua voce: “È questo l’inizio di un cammino di crescita secondo le innovative direttive dell’AC Milan. La sinergia sarà sicuramente positiva e, in questo caso, voglio rivolgermi specialmente ai genitori di tutti i ragazzi della Ge.Ca.: il Milan ha bisogno di voi e della vostra fiducia che riponete nello staff tecnico di questa Scuola Calcio. Questi sono dei tecnici molto preparati e sempre attenti ai continui aggiornamenti che lo Stile Milan impone. I vostri ragazzi nel giocare a calcio devono sempre divertirsi e nel divertimento, il nostro augurio, è quello di trovare la strada per far sbocciare anche qualche futuro campione”.

Leggi anche



Articolo precedente1992 – La serie, quanto convince la nuova produzione italiana targata Sky?
Prossimo articoloZayn Malik: “One Direction addio!”
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...