Prada, buona la prima per Raf Simons. Sarà l’inizio di una lunga collaborazione

Fashion ZON Prada, buona la prima per Raf Simons. Sarà l'inizio di una lunga...

Miuccia Prada e Raf Simons hanno debuttato insieme per la prima volta. Una sfilata innovativa e sconvolgente che ha visto Simons promosso a pieni voti

La collezione di Prada, relativa alla Primavera- Estate 2021, è stata presentata alla Milano Fashion Week di settembre 2020. Una sfilata digitale, forse la più attesa di questa edizione di Milano Moda Donna. Un po’ perché sancisce l’inizio di una collaborazione destinata a far parlare a lungo. Un po’ perché per il designer belga, Raf Simons, è la prima prova, superata a pieni voti, sotto la co-direzione creativa con la ‘Signora’, Miuccia Prada.

- Advertisement -

Gli abiti sono essenziali, mirati, senza decorazioni superflue: bluse smanicate, pantaloni dritti, soprabiti in re-nylon industriale realizzati con tecniche sartoriali e completi in felpa. Tutti capi disegnati seguendo le linee del corpo e tenuti insieme da una mano. L’impronta di Raf Simons c’è e si vede ovunque. Nei soprabiti e giacche destrutturate, nei volumi over, nelle maglie ‘bucate’. Nei loghi cuciti su maglie e abiti, nelle scritte che campeggiano sui capi: ‘Signaux violents vers nous’.

Ma va detto, c’è anche tanta Miuccia Prada, come nelle stampe d’archivio utilizzate per interrompere e spezzare le superfici uniformi degli abiti, nei kitten heels. Ma non sarebbe uniforme senza semplicità. Componente necessaria, riduce l’abito a un’essenza all’essenziale. Minimo comun denominatore è ‘The Wrap’, un rettangolo di tessuto da avvolgere attorno a sé e declinato in jersey, tessuto felpato, re-nylon, duchesse ricamato, taffettà chiné. Funzionale per ripararsi dal freddo, pura estetica se utilizzata solo come elemento decorativo.

La scenografia

- Advertisement -

Suggestiva anche l’ambientazione di questa sfilata virtuale, ideata da Oma/Amo: una stanza tutta gialla con lampadari che, con monitor e telecamere, si animano in una sorta di danza al ritmo delle falcate delle modelle. La colonna sonora, composta per la sfilata da Plastikman, il musicista anglo-canadese Richie Hawtin, protagonista della scena elettronica, include i nomi di tutte le protagoniste della sfilata: un cast di modelle che non hanno mai calcato le passerelle e per le quali questa è una sfilata di debutto.

 

- Advertisement -
Lella Ventura
Lella Ventura
Sono Raffaella e sono laureata in Giurisprudenza presso l'Università degli studi di Salerno. Concluso il mio percorso mi sono resa conto che in realtà la mia vera passione era nascosta dentro di me. Tutte le cose che non hanno anima mi annoiano e mi nutro di emozioni che spero di riuscire a trasmettere in ogni modo. Vorrei diventare una giornalista perchè sono una sognatrice che ancora ci spera di liberare quei sogni che soffocano nel cassetto.

Covid-19

Italia
276,457
Totale di casi attivi
Updated on 28 October 2020 - 18:51 18:51