quarantena
Immagine da Pixabay

Il governo italiano pensa di ridurre la quarantena da 14 a 10 giorni, martedì la riunione del Comitato tecnico scientifico per discutere sul tema

L’esecutivo vara l’ipotesi di ridurre i giorni di quarantena, a differenza della Francia l’Itlaia vorrebbe ridurre da 14 a 10 giorni il periodo di isolamento per coloro che hanno avuto contatti con casi Covid. Un’apertura  da parte del governo su questo tema non è nuova, infatti il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, aveva già annunciato che ridurre il periodo di isolamento avrebbe ridotto anche i costi economici e sociali per il Paese. Favorevole anche il ministro Speranza che ha da subito richiesto il parere del Comitato tecnico scientifico.

Potrebbe interessarti:

Viene così accantonata l’idea di seguire l’esempio francese che ha ridotto la quarantena a 7 giorni. Il Cts infatti ha ritenuto troppo pochi 7 giorni di isolamento. L’esecutivo ha dunque pensato ad un periodo più lungo, 10 giorni, si attendono comunque i riscontri della comunità scientifica. La riunione del Comitato tecnico scientifico per discutere sul tema si terrà martedì. Speranza, intanto, incontrerà oggi Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato, e potrebbero già discutere del tema. Per ora gli esperti non sono del tutto favorevoli, nonostante qualche timida apertura.

Anche l’Oms continua a raccomandare la quarantena di 14 giorni, considerando che il tempo di incubazione medio è intorno ai 5 giorni, ma che può avere anche tempistiche più lunghe arrivando fino a 14 giorni, appunto. Per quanto riguarda, invece, i positivi al Covid, non ci dovrebbero essere cambiamenti: resta l’obbligo di due tamponi negativi in 24 ore per poter uscire dall’isolamento.

Letture Consigliate