drone airpeak sony Ravn X
Screen da video ufficiale YouTube

Ravn X è classificato come il drone più grande al mondo, grazie ai suoi ventiquattro metri di lunghezza. Ne è proprietaria la ditta Aevum

Satelliti in orbita grazie ad altri satelliti. Sembra una cosa ricorsiva, ma in realtà rappresenta una grande innovazione nel campo elettronico e aerospaziale. Nei giorni scorsi, con il volo Transporter-1, Space X ha ufficialmente stabilito un nuovo record riguardo il numero di satelliti lanciati e dispiegati in una singola missione. Infatti, ben 143 micro e nanosatelliti, di cui 133 provenienti da altre società, sono stati lanciati nello spazio. Tuttavia, c’è chi ritiene di poter fare ancora meglio. Stiamo parlando della Aevum, che ritiene che il suo drone Ravn X possa farlo meglio ad un costo anche inferiore.

Potrebbe interessarti:

Il Ravn X è stato classificato come il drone più grande del mondo. Con un lunghezza di circa 24 metri e un’altezza di 5 metri e mezzo, quest’ultimo sarebbe in grado di volare in modo del tutto autonomo fino ad un’altitudine specificata. Inoltre, una volta giunto in alto, sarebbe anche in grado di lanciare un razzo che a sua volta può trasportare un carico utile di piccoli satelliti nell’orbita terrestre bassa. Un satellite che trasporta satelliti, in pratica, un’innovazione sicuramente da tenere sott’occhio.

Secondo Aevum, ditta proprietaria, questo sistema di lancio è per ora riutilizzabile al 70%. Ma il CEO dell’azienda, Jay Skylus, pensa in grande e spera di avvicinarsi quanto prima al 100%.
Il primo stadio può semplicemente atterrare, lanciare un altro razzo ed è in grado di decollare di nuovo, proprio come farebbe un aereo di linea.” ha dichiarato Skylus.

I voli di prova dovrebbero iniziare già nel corso dell’anno.

Letture Consigliate