Reddito di Cittadinanza, ecco le regole per i lavori sociali



reddito di cittadinanza

Per ricevere i 780 euro mensili del reddito di cittadinanza sarà obbligatorio svolgere una serie di lavori socialmente utili presso il Comune di residenza

Continuano a essere definiti i particolari di attuazione del reddito di cittadinanza. Se già nei giorni scorsi erano emersi particolari riferiti ad esempio al dimezzamento per chi vive in casa di sua proprietà, ecco che ora viene specificato meglio anche il punto sui lavori socialmente utili da svolgere per beneficiare della misura.

Benché nel progetto ufficiale si parla di lavori di pubblica utilità, sembra che ci troviamo di fronte a lavori socialmente utili a tutti gli effetti. Per otto ore alla settimana, infatti, chi percepisce il reddito di cittadinanza dovrà svolgere lavori nel territorio del proprio Comune di residenza, in maniera analoga a quanto succede per la modalità alternative di scontare una condanna penale attraverso attività riparative e sostitutive. Ma mentre i lavori di pubblica utilità sono retribuito sotto forma di assegno da parte dell’Inps, i lavori associati al reddito di cittadinanza non prevedono alcune retribuzione addizionale (coerentemente con lo spirito del progetto).

Le attività da svolgere andranno individuate nello specifico dai diversi Comuni, ma in generale si intendono tutte quelle attività che hanno come oggetto la realizzazione di opere e la fornitura di servizi di utilità collettiva, come l’assistenza ad anziani o diversamente abili o il lavoro in comunità di recupero per tossicodipendenti o detenuti. Rientrano nella definizione, inoltre, i lavori a tutela dell’ambiente e del territorio, come la protezione delle aree protette o la raccolta differenziata. Sembra, inoltre, che rientreranno nei lavori utili ai fini del recepimento del reddito anche alcune mansioni legate al turismo.

Restano, per il momento, invariati i capisaldi della proposta: l’assegno mensile arriverà massimo a 780 euro e non si potranno, nel mentre, rifiutare più di 3 lavori. Ancora da definire nei dettagli, invece, il sistema di erogazione tramite bancomat della somma mensile. Ancora incerta, inoltre, la data esatta d’inizio della misura.

 

Leggi anche