Roberto Vecchioni con il suo album Infinito intervista Leopardi

roberto vecchioni

Roberto Vecchioni il suo ultimo album lo intitola “Infinito” e si richiama direttamente al grande poeta italiano Giacomo Leopardi

Una grande emozione, un grande capolavoro. Dopo il successo di Sanremo, il nuovo album di Roberto Vecchioni si intitola Infinito dove il tema dominante è la vita.

Roberto Vecchioni cantautore, paroliere, poeta, presenta il suo ultimo album Infinito, ispirandosi a uno dei colossi della cultura italiana: Giacomo Leopardi.

Vecchioni ha dichiarato di aver ripreso il poeta italiano per parlare di vita: “Per parlare di vita prendo Leopardi che nell’opinione generale la vita la odiava, il che non è vero perché l’avrebbe amata tantissimo se la vita non l’avesse odiato così tanto”. 

Il cantautore continua a dichiarare di aver ripreso il Leopardi di Napoli. Quel Leopardi che che si accorgeva dei profumi, dei colori, dell’aria, della vita, dell’esistenza. Quell’uomo che si accorge degli uomini che hanno più sentimenti che pensieri.

Ho voluto riprendere quell’uomo che mangia i gelati e Napoli e guarda la ginestra, ne ascolta il profumo ed è contento di questo”. 

 

Il rapporto viscerale di Vecchioni con la scrittura l’ha portato ad avere un’attenzione particolare per i testi di canzoni contemporanee, pertanto il cantautore italiano senza paura afferma ai microfoni di Tgr Puglia:Moltissima musica italiana è veramente brutta. Le melodie saranno anche carine, le parole sono sempre le stesse ma non dicono niente.”

Il cantautore, inoltre da buon insegnante si lascia andare anche a dichiarazioni sulla scuola e sull’insegnamento attuale: “I ragazzi oggi sono scombussolati. I giovani sono davanti a un progresso di corsa che si è mangiato tutto. I giovani vivono un progresso che ha mangiato il passato che ancora ha tante cose da raccontare.

La mancanza di un classicismo e di una dimensione del passato rovina le nuove generazioni, proprio per questo Vecchioni ha deciso di portare nella sua musica ancora Leopardi da molti considerato obsoleto, ma assolutamente attuale che sembra avere ancora molto da dire.