Scossa di terremoto di magnitudo 7,5 in Russia



terremoto Russia
pixabay

Russia: Violentissima scossa di terremoto a largo delle Isole Curili. Al momento  non si registrano danni a persone o cose

L’Istituto statunitense di geofisica (Usgs) ha registrato una violentissima scossa di terremoto (di magnitudo 7,5) a largo delle isole Curili, in Russia, arcipelago tra l’isola giapponese di Hokkaido e la penisola russa della Kamchatka.

L’epicentro della scossa è stato registrato a circa 59 chilometri di profondità in particolare 220 km a sud-est di Severo- Kurilsk, cittadina dell’estremo oriente russo nell’oblast di Sachalin; l’ipocentro, invece, è stato individuato ad oltre 20 chilometri di profondità.

Stante ai dati forniti dall’Usgs non si registrano al momento danni a persone o cose. Il terremoto è avvenuto alle 14.49 locali (le 3.49 in Italia)

Tuttavia, il Centro allerta tsunami degli Usa avverte del rischio onde anomale che può provenire da scosse di tale entità ed essere potenzialmente pericoloso per le coste della regione circostante, dall’Alaska alla California: sorvegliata speciale soprattutto l’isola delle Hawaii.

Le isole Curili, arcipelago di 56 isole che separa il mare di Ochotsk dal Pacifico settentrionale,  sono note per essere frequentemente teatro di violenti terremoti.

La Russia le conquistò dopo la Seconda Guerra Mondiale; attualmente sono contese dal Giappone.

Il terremoto avviene mentre anche la Russia è impegnata a fronteggiare la pandemia da Coronavirus: il presidente Putin ha inviato una delegazione di medici russi che affianchino i colleghi italiani nella gestione dell’emergenza sanitaria.

 

 

 

 

Leggi anche