Twitter @sampdoria

Dopo sette vittorie consecutive la Samp di Ranieri frena la corsa dell’Inter. A far male sono gli ex, ora il Milan può scappare

A Marassi quella che doveva essere una la partita per mettere pressione ai cugini rossoneri, si trasforma per la squadra di Conte, in una deludente sconfitta. Sanchez sbaglia un rigore e la Samp approfitta degli errori nerazzurri. Ho

Potrebbe interessarti:

La partita

L’Inter parte con il giusto ritmo e mette subito in difficoltà la retroguardia blucerchiata che non riesce ad arginare i movimenti di Sanchez. All’8′, Skriniar sfiora il vantaggio sugli sviluppi di un corner, ma proprio in quell’azione stessa, successivamente, viene concesso al Var un rigore ai nerazzurri per tocco di mano di Thorsby. Sul dischetto, però, Sanchez si fa ipnotizzare da Audero che para.

La Sampdoria prende coraggio. Prima Tonelli colpisce la traversa di testa poi arriva un rigore per fallo di mano abbastanza evidente di Barella. Dagli undici metri va Candreva che segna il più classico dei gol dell’ex. Prova a reagire la squadra di Conte ma al 34′ arriva il raddoppio dei padroni di casa, a segnare è ancora un ex nerazzurro ovvero Keita che si fa trovare pronto su un cross di Damsgaard.

Nella ripresa si capisce fin da subito quello che sarà il copione della gara: Inter a trazione offensiva e Samp che contiene e cerca di ripartire per chiudere il match. Il gol che riapre il match arriva al 65′ quando De Vrij, su corner, salta più in alto di tutti e accorcia. Conte si gioca anche le carte Eriksen e Lukaku. Lautaro e prorpio il belga ci provano ma Audero è dice no. Dopo cinque minuti di recupero Sampdoria-Inter termina 2-1.

Il tebellino di Sampdoria-Inter

Marcatori: 24′ Candreva, 38′ Keita , 65′ de Vrij

Sampdoria (4-4-1-1): Audero; Yoshida, Tonelli (68′ Bereszynski), Colley, Augello; Candreva, Thorsby, A. Silva, Jankto; Damsgaard; Keita (93′ La Gumina). All. – Ranieri

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Gagliardini (63′ Lukaku), Young (45′ Perisic); Lautaro Martinez, Sanchez (70′ Eriksen). All. – Conte

Letture Consigliate