San Giovanni, la stazione di Roma trasformata in museo

San Giovanni

Nel cuore di Rom la stazione di San Giovanni è stata trasformata in un museo libero, dove bellissimi reperti vengono esposti a libero contatto con i passeggeri

Si sono finalmente conclusi i lavori della stazione di San Giovanni, la metropolitana che collega le linee A e C, portando dalla periferia Est al centro di Roma. Dopo ben 12 anni questo luogo incantato, sospeso tra passato e presente, vede la luce.

La particolarità di questa stazione è quella di essere la prima musealizzata, nella quale cioè i reperti degli scavi hanno creato  un percorso nel tempo. I passeggeri, infatti, avranno l’opportunità di compiere un altro viaggio: quello nella Storia.

A spasso nel tempo in metro

Frammenti di statue, pezzi di capitelli, un antico vaso da giardinaggio. Ed ancora aree tematiche con i reperti a vista  e pannelli dove sono chiaramente spiegati le profondità dove alcuni oggetti sono stati reperiti. Il tutto affidato ad una cronologia che si snoda lungo tutte le scale mobili.

Questo percorso, che comincia dall’alto con la Storia Contemporanea, finisce verso il basso con la Preistoria, attraversando tutte le età significative della Città Eterna dal punto di vista socio-culturale, o quella del passaggio delle acque,che ne ha ridefinito la morfologia. 

Ritrovamenti curiosi

Tanti e curiosi, inoltre, sono i ritrovamenti emersi: un cesto di vimini perfettamente conservato, pezzi di ceramiche, addirittura noccioli di pesca, pinoli e pigne ed anche dei molluschi. Basamenti in tufo, di eta augustea, deputati ai drenaggi ed allo scolo ed un amo di bronzo risalente al I secolo d.c e delle monete del II o III d.C.,  con l’incisione +Abia Pacic.