scozia assorbenti gratuiti
immagine da Pixabay

La Scozia è il primo Paese al mondo in cui i prodotti per l’igiene femminile saranno gratuiti: passo decisivo per combattere la “period poverty”

Proposta nell’Aprile 2019 dalla laburista Monica Lennon, in Scozia è stata approvata all’unanimità la legge sulla gratuità degli assorbenti e di altri prodotti per l’igiene femminile.

Il provvedimento, punta a combattere la cosiddetta period poverty (“povertà mestruale”) ovvero l’impossibilità per le donne di accedere a prodotti per l’igiene femminile, a causa di condizioni economiche svantaggiate: secondo alcune stime, firmate dalla BBC, nel Regno Unito la povertà mestruale investirebbe circa il 10% della popolazione femminile e, specificamente in Scozia, una studentessa su 4.

A ben vedere, la legge approvata oggi che rende la Scozia il primo Paese al mondo a fornire assorbenti gratuiti è il passo decisivo e inclusivo di un percorso iniziato già nel 2017 quando nel Regno Unito sono nati i primi programmi per la fornitura gratuita di prodotti per l’igiene femminile alle studentesse.

Anche nel resto d’Europa e del mondo il tema della “period poverty” sta assumendo sempre più capillare importanza: molti Paesi sono arrivati per esempio ad abbassare l’iva sugli assorbenti (al momento l’unico Paese in cui i tassi sono azzerati è l’Irlanda).

In Italia, l’iva sugli assorbenti dal 1° Gennaio 2020 è passata dal 22 al 5%: si tratta tuttavia di una riforma poco coraggiosa, poichè riguarda solo assorbenti lavabili e compostabili e coppette mestruali, che rappresentano una minima parte (0,2-0,6%) del mercato tricolore dei prodotti di igiene femminile che ogni anno muove circa 510 milioni di Euro.