Scuola, in arrivo mascherine chirurgiche per la comunità scolastica

arcuri coronavirus Scuola
Da Youtube

Il via libera definitivo per le novità della scuola è atteso dal Comitato Tecnico-Scientifico. Per i prof ci sarà la maschera trasparente

Oggi è arrivata l’ufficialità, ma la strada sembrava essere già segnata. Il Comitato Tecnico-Scientifico, dopo una riunione fiume, ha scelto di affidarsi alla mascherina chirurgica per quanto riguarda la scuola. Gli studenti che torneranno tra i banchi, dunque, non indosseranno quella di comunità (ovvero quella di stoffa). Il commissario Domenico Arcuri ha già inviato l’ordine di undici milioni di pezzi da inviare ogni giorno agli istituti. Per i prof invece il CTS ha dato il via libera alla mascherina trasparente, per facilitare la lettura labiale.

Il progetto, unico in Italia, delle mascherine trasparenti è stato presentato al team del commissario per l’emergenza Arcuri dall’azienda Under Shield di Fontaniva (Padova).
Il CTS chiedeva che questo tipo di mascherine avessero il marchio CE (che attesta la conformità del prodotto ai requisiti previsti dalle direttive comunitarie) e noi ci siamo adeguati. La settimana prossima le nostre mascherine trasparenti saranno omologate come dispositivi di protezione. Siamo quindi pronti a partire con la produzione.” ha dichiarato Paolo Pandin, fondatore dell’azienda.

Anche l’esperto dell’Università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, ha sposato in pieno questa linea: “In questi mesi si sono moltiplicati gli studi sull’efficacia anti-Covid dei vari tipi di mascherine e visiere disponibili. Ebbene, le chirurgiche sono all’insegna della massima prudenza, anche perché sono usa e getta e non presentano dubbi legati, ad esempio, alla disinfezione e al riuso.
Insomma, finalmente sembra essere arrivata una vera e propria svolta.