30 Novembre 2021 - 16:10

Shevchenko e Milan, per la prima volta nemici: ancora “conservatore” o finalmente a nudo?

Shevchenko, Genoa-Milan

Il nuovo allenatore del Genoa sfiderà il suo passato. Il Milan è in leggera flessione e Shevchenko potrebbe approfittarne mettendo in gioco le sue idee

A volte ritornano, è proprio vero: al Luigi Ferraris per la prima volta il Milan e Shevchenko non remeranno dalla stessa parte. Una battaglia navale tra la storia e la nuova storia, che ancora deve nascere ma si prospetta ricca di pagine. Ed eccoci a quella più delicata: il ritorno. Il Genoa è ancora malato e lo 0-0 contro l’Udinese sicuramente non ha curato il paziente.

“Proverò a bloccare le emozioni”

Per Shevchenko è la prima esperienza da allenatore di club (Qui il focus) e il gioco dei sentimenti potrebbe fare un brutto scherzo, anche se per ora sembra glaciale: Sono un professionista e quello che ho promesso ai tifosi del Genoa è che farò il massimo per loro, darò il cento per cento e farò di tutto per mettere il Milan in difficoltà. Sicuramente sarà una partita molto difficile, per questo dovremo lavorare tanto perché il Milan è una squadra di grande qualità”

Shevchenko
Foto: YT UEFA

Alla ricerca del primo gol

Per ora il nuovo Genoa guidato dall’ucraino non è ancora andato in gol, dato in controtendenza alle sue idee. Alla guida dell’Ucraina l’allenatore ci ha abituati a partite ricche di emozioni e giocate offensive. Certo, la rosa a disposizione glielo ha sempre permesso: con giocatori come Malinovskyi tutto è più facile. Per ora Shevchenko ha deciso di toccare poco del materiale che gli è stato ereditato. In punta di piedi, da conservatore, non ha modificato il 3-5-2 di Ballardini, pensando prima di tutto a lavorare sugli uomini. La partita contro il Milan potrà finalmente rivelarsi come la svolta, in cui l’ex stella rossonera potrà mettersi a nudo e mostrare il suo calcio.