Super-batterio: scatta allarme negli Usa



Scoperta nuova specie di super-batterio resistente a qualsiasi antibiotico. Scatta l’allarme in Pennsylvania.

Doveva trattarsi di analisi ordinarie, ma nelle urine di una donna è stato ritrovato un pericolosissimo super-batterio, immune a qualsiasi tipo di antibiotici, perfino il più forte esistente, il colistin. I dati sono riportati sulla rivista della Società americana di microbiologia, Antimicrobial Agents and Chemiotherapy, mentre l’allarme è stato lanciato dagli scienziati del Dipartimento alla Difesa statunitense, che ha individuato la specie del batterio, una forma letale dell’escherichia coli

Al momento non si è a conoscenza delle condizioni della donna, tuttavia il rapporto sul presunto batterio è stato preso in considerazione dai centri di prevenzione e cura presenti in tutto il territorio degli Stati Uniti: sono infatti in corso le indagini per determinare quali cause abbiano portato la paziente a contrarre l’elemento patogeno. E’ addirittura possibile che il contagio possa essere avvenuto in ospedale.

E’ trascorso appena un anno dall’emergenza ebola, mentre ora si diffonde la “leggenda” di un nuovo spauracchio infettivo, come le relative e controverse fonti che lo riguardano. L’impatto mediatico del pericolo virale trascorso si è rivelato notevole, al punto da distrarre i cittadini su questioni quali l’approvazione del Jobs Act. Si auspica l’attendibilità delle fonti ufficiali e l’onesta intellettuale nel fornire notizie veritiere, non ingigantite.

In ogni caso, l’allerta del governo statunitense rimane alta, così come il monitoraggio delle condizioni di salute della paziente.

Leggi anche