The Walking Dead II, il ritorno dei morti viventi

Prima PaginaThe Walking Dead II, il ritorno dei morti viventi

In vista dell’imminente uscita della sesta stagione di The Walking Dead, trasmessa da Fox Italia il prossimo 12 ottobre, recensiremo le passate stagioni e seguiremo ogni settimana le nuove puntate

[ads1]

Siete fanatici del survival horror e per voi la casa è il posto più sicuro del mondo? Il mondo esterno vi spaventa e lo guardate con distacco? Allora la recensione di questa seconda, entusiasmante, stagione di The Walking Dead è dedicata proprio a voi.​

the walking dead
Frank Darabont

​In questa nuova serie, ideata sempre dal regista Frank Darabont, agli zombie protagonisti della prima stagione, quei vaganti che sembrano la minaccia più pericolosa di questo mondo post-apocalittico nel quale un misterioso virus ha colpito il pianeta, si affianca un nuovo protagonista.

Il genere umano corrotto e corruttore di un mondo senza più leggi e regole.

​L’idea di un mondo privo di ordine, nel quale vige soltanto la legge del più forte, non è nuova nell’universo della fantascienza, ed anche nella filosofia occidentale, sono stati tanti gli autori che hanno speculato sul tema dell’homo homini lupus.

Ogni uomo è per un suo simile un lupo” diceva nel Seicento il filosofo inglese Thomas Hobbes: per lui, un corpus di leggi che aiutino l’essere umano a difendersi dalla naturale malvagità animalesca dei suoi simili, è assolutamente fondamentale.

Non solo il cinema ci ha mostrato cosa accadrebbe in un mondo dove i governi non riescono più ad esercitare il loro potere sull’uomo. Fra i film che ultimamente sono comparsi al cinema vi è senz’altro World War Zero, nel quale un dinoccolato Brad Pitt è alle prese con un virus simile a quello che colpisce la Georgia in The Walking Dead.

Più di recente, il mondo videoludico ha offerto una magnifica esperienza di gioco con lo stupendo The Last of Us, nel quale veniamo precipitati in un pianeta nel quale uno strano fungo ha trasformato gli uomini in vaganti.

Per qualcuno è un modo di preparare l’umanità ad una possibile catastrofe di questo tipo, forse per insegnare agli uomini, mentre questi si divertono, a cavarsela in un clima di difficoltà estrema. La possibilità di una guerra batteriologica che colpisca il pianeta non è del tutto fantascientifica, e a volte la realtà riesce a spaventare più che la fiction.

La seconda stagione di ​The Walking Dead, ispirata come sempre all’omonimo fumetto di Robert Kirkman (http://thewalkingdeadita.altervista.org/fumetto/), è composta di 13 puntate, più del doppio della prima. Diversamente dalla prima, che ha più un taglio introduttivo, questa nuova serie ci catapulta nella disperata ricerca, da parte dei protagonisti, di una tranquillità che purtroppo non esiste più.

the walking dead
Hershel e famiglia

Accantonati i tentativi del gruppo di trovare notizie sull’epidemia, la serie continua in uno scenario differente, una fattoria in campagna. Lo sceriffo Rick Grimes (sempre interpretato dall’inglese Andrew Lincoln), a seguito di un grave incidente che vede coinvolto suo figlio Carl, trova rifugio insieme al gruppo nella dimora del veterinario Hershel, il quale offre la sua ospitalità almeno fin quando il bambino non si sarà ristabilito del tutto. Con Rick ci sono ancora sua moglie Lori, il collega Shane, Andrea, la mite Carol con sua figlia Sophia, Dale il vecchio, il solitario Daryl, il corpulento T-Dog e il giovane Glenn. Ma il gruppo, seppur eterogeneo, presto si scontrerà con ciò che è rimasto della famiglia del loro benefattore: le sue tre figlie Beth, Maggie e Patricia e il marito di quest’ultima, Otis.

Qui entreranno in gioco nuove dinamiche della sopravvivenza: Hershel, religioso, è convinto che i vaganti siano soltanto persone meritevoli di cure e che nessuno può disporre indiscriminatamente della loro vita. Per questo, in gran segreto, ne ha ospitati alcuni nel fienile nella speranza di farli tornare le persone che erano. Rick e gli altri saranno quindi fortemente combattuti sul da farsi: devono lasciare che l’uomo faccia ciò che ritiene più opportuno perché la fattoria è di sua proprietà o usare la forza eliminando i non-morti e appropriandosi del posto?

La scelta verrà presa solo dopo un evento drammatico che coinciderà con la perdita di un personaggio importante.

La Seconda Stagione di The Walking Dead, nota per i più appassionati, è preceduta da uno spin-off di alcuni episodi diretti da Greg Nicotero, uno dei registi della serie, che ha realizzato la webserie “The Walking Dead: Torn Apart”, nel quale si racconta la storia di Hannah, la prima vagante che Rick incontra fuori dall’ospedale nel primo episodio della prima stagione, e che consigliamo di guardare.

Questi gli interpreti e i personaggi della Seconda Serie: Rick Grimes/Andrew Lincoln. Shane Walsh/Jon Bernthal. Lori Grimes/Sarah Wayne Callies. Andrea/Laurie Holden. Dale Horvath/Jeffrey DeMunn. Glenn Rhee/Steven Yeun. Carl Grimes/Chandler Riggs. Daryl Dixon/Norman Reedus. Carol/Peletier/Melissa McBride. Merle Dixon/Micheal Rooker. Morgan Jones/Lennie James, Hershel Greene/Scott Wilson. Maggie Greene/Lauren Cohan. Beth Greene/Emily Kinney

Queste, invece, sono le puntate di The Walking Dead II:

  • La strada da percorrere
  • Sangue del mio sangue
  • Sopravvivere
  • La rosa Cherokee
  • Chupacabra
  • Segreti
  • Muore la speranza
  • Nebraska
  • Grilletto facile
  • Scelte
  • La sentenza
  • Il giustiziere
  • La linea del fuoco

[ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
93,017
Totale di casi attivi
Updated on 2 August 2021 - 21:08 21:08