The Way Out, WebSeries come esercizio di stile

Prima PaginaThe Way Out, WebSeries come esercizio di stile

The Way Out, la WebSeries su YouTube ideata e realizzata da giovani con un nuovo spirito di racconto. ZonMovie analizzerà la prima stagione 

[ads1]

The Way Out unisce l’arte del web con la serialità, due forme di espressione che stanno avendo una larga diffusione in questi ultimi anni. Il Web come fisicità della divulgazione “democratica”, la serie come sintesi tra cinema e pubblico diversificato; oggi Pay Tv e Internet portano lo spettatore di nuovo in casa, stimolando poco le uscite e causando il disinteresse verso la sala cinematografica.

Ideata dai fiorentini Ennio Pitino e Marco Giavatto, segue la volontà di raccontare ed esercitare uno stile, per costruire un mestiere più consapevole e arrivare, senza troppe pretese, al cinema più impegnato e sofisticato. Ricorrendo al Web infatti, riescono a realizzare in economia, ad essere facilmente reperibili, ma soprattutto possono instaurare un rapporto virtuale e favorevole con un pubblico più ampio, maturando le scelte anche in relazione ai commenti e alle condivisioni.

the way out
WebSeries, The Way Out

Questo sistema produttivo dell’arte, in cui s’inserisce The Way Out, avvicina l’artefice al fruitore, favorendo dialogo e confronto, fino ad una trasversalità della comunicazione. Specchio di se stessi, la WebSeries è una delle tante forme del concetto di “expanded cinema” coniato da Gene Youngblood nel 1970, quando cominciava a delinearsi la Videoarte.

Gli autori della WebSeries, nel presentare il progetto, dicono:

«Dopo mesi di slanci creativi estemporanei che si tramutavano – un po’ alla buona – in video caricati sul nostro canale (Geneticamente Mortificati), all’improvviso, scatta qualcosa: decidiamo di scrivere una WebSeries. Si, è vero ce ne sono tante su Youtube. Sì, è vero non abbiamo né soldi, né esperienza né mezzi tecnici. Non importa, noi abbiamo voglia di raccontare una storia. Di esprimerci, di creare personaggi e farli muovere in mondo instabile, fallace, ingannevole e per questo così genuinamente umoristico.

È nata così The Way Out – LaWEBSERIES. Una WebSeries con una trama orizzontale che vede protagonisti un gruppo di giovani alle prese con le difficoltà che accomunano – forse – un’intera generazione. Apparentemente il centro gravitazionale della storia è costituito da Federico, Ettore (coinquilini e amici di vecchia data) e Marta, ragazzi qualunque costretti dal capriccio degli eventi a ridisegnare continuamente la propria vita. Ma in questo universo non esiste un centro, non esistono satelliti, tutti sono protagonisti. Come Luca, amico di Federico ed Ettore che è riuscito “farcela”, per usare un’espressione ricorrente (sarà davvero così?). Premesso che girare una WebSeries è cosa ben diversa dal fare cinema, che sarebbe un sogno per noi, possiamo dire che nel nostro umile esordio stiamo maturando la nostra prima esperienza di un mondo di cui speriamo di poter far parte in futuro, come bambini che giocano per diventare adulti».

Dal prossimo appuntamento, ZonMovie analizzerà il primo episodio della prima stagione, in attesa delle riprese della seconda, che cominceranno a maggio.

[ads2]

Annarita Cavalierehttp://zon.it
Laureata in D.A.M.S presso l'Università di Udine, giornalista pubblicista, curo da un anno la rubrica ZONmovie con un bel gruppo di collaboratori. Cerchiamo di seguire gli interessi dei lettori, ma allo stesso modo vogliamo garantire i contenuti, sempre ben argomentati e fondati rispetto a ciò di cui parliamo. Analizziamo la rubrica in relazione all'arte, all'animazione americana e seguiamo le migliori serieTv e, con speciali dedicati, offriamo retrospettive sulle serie più attese. Inoltre, anche la nuovissima rubrica "Dal libro allo schermo" garantisce una pluralità di contenuti. Non solo. ZONmovie propone anche una sezione dedicata alla WebSerie, con appuntamenti settimanali.

Covid-19

Italia
78,484
Totale di casi attivi
Updated on 29 July 2021 - 23:02 23:02