Bayern Monaco
Foto: YouTube Bayern Monaco

Vivere per vedere gli altri gioire, vincere grazie al genio e all’altruismo. Lo stile degli assist varia in Europa: chi comanda questa classifica?

La gioia di un gol passa attraverso la bellezza di un assist, uno yin e yang che disciplina la filosofia del calcio. Un gol si realizza con un assist, ma un assist non può esistere senza un gol. La relazione è molto stretta, si abbracciano, ma spesso nella banalità delle narrazioni tendiamo a non considerare il gesto altruistico. Pura invenzione, genio, spesso la vera essenza del gioco.

Potrebbe interessarti:

Il calcio è sport di squadra per eccellenza e in una squadra si pensa sempre a come tenere vivo il collante. Ogni club ha la sua vinavil, il tasto play che permette all’orchestra di dare inizio alla melodia. Ma come in ogni sport i suoni sono differenti e vediamo come gli interpreti si prendono la scena.

Thomas Muller

Il tedesco guida la classifica dei migliori assist-man dei top campionati in Europa. Ne ha collezionati ben 17, ma quello che fa impazzire è il suo modo di realizzarli. La sua qualità e duttilità gli permette di vedere sia spazi immaginari e servire i compagni con un tocco oppure da ex attaccante lavorare di sponda. Contro il Werder Brema ha fatto scuola, con uno stop di petto in area di rigore e un piatto al volo di sinistro per non perdere un tempo di gioco e servire Gnabry davanti il portiere. Non mancano altre meraviglie, come il cross di rabona. Lewandowski lo adora e ora sappiamo perché. Il suo stile è avere più stili. Centroattaccante, definiamolo così.

Canale YouTube Bundesliga

Kevin De Bruyne

De Bruyne è il cameriere in smoking del calcio. Serve i compagni con eleganza e su gentil richiesta. Spesso “porta qualche piatto a sorpresa” ed è ripagato con una bella mancia, il gol. Rete che spesso va a glorificare la sua giocata, come nell’ultima partita contro il Borussia Dortmund in Champions League: invenzione di sinistro per Gundogan e poi gol di Foden. Velocità palla al piede, giocate di prima sul lungo e sul corto. Un centrocampista completo, determinante negli undici metri e anche lontano dalla porta. L’arte del passaggio.


ASComps – Match Compilations

Son e Harry Kane

Uno fa gol, l’altro compie l’assist e viceversa. Ben 32 assist vincenti sono nati dai loro piedi. Kane è un attaccante moderno, con un gran fisico, capace sia di fare gol e di mettere anche i suoi compagni di squadra in condizione di realizzarsi. Spesso è proprio l’inglese ad allargarsi con Son che attacca la profondità e viene lanciato a rete anche da posizione defilata. Questa stagione Mourinho ha trovato la coppia perfetta, nonostante le mille difficoltà. Son è estro puro, ma con una tecnica disarmante. Sicuramente non ha la visione di gioco di un centrocampista e anche di Kane, ma con le sue accelerazioni è capace di saltare la difesa e a regalarti il pallone sul piatto d’argento a due passi dalla porta.


Tottenham Hotspur

Juan Cuadrado

Il colombiano è l’uomo in più della Juventus di Andrea Pirlo. Fondamentale sulla corsia di destra, sia da terzino che da esterno alto. Insieme a Chiesa di certo le fasce bianconere hanno avuto grandi interpreti e Ronaldo ne ha approfittato. Sono venuti molto meno gli assist dai centrocampisti, punto debole di Madama. Cuadrado si è caricato un gran peso sulle spalle e spesso la narrazione delle sue giocate è la seguente: doppio passo, salta l’uomo e trova il compagno di squadra. Tutti sanno che fa quella giocata, ma nessuno riesce a fermarlo. Oltre alla capacità di servire assist a ridosso della porta, i suoi traversoni partono anche dalla trequarti, girando la difesa e trovando spesso un attaccante alle spalle della difesa. Sono ben 14 in stagione, per il Re dei cross.


Davom 23

Bruno Fernandes

L’esempio perfetto di rinascita, ma non tecnica, quella l’ha sempre avuta, ma mentale. Ha deciso di poter incidere ad alti livelli e lo sta facendo. Dallo Sporting al Manchester United, un colpo di gennaio che a primo impatto fece storcere il naso per il prezzo del cartellino. Si sono ricreduti tutti ammirando la qualità del portoghese. Per qualità di passaggio è quello che si avvicina maggiormente a De Bruyne. In questa stagione sono ben quattordici, ma possiamo ammirare anche quelli precedenti.

Manchester United

Letture Consigliate